22 febbraio Manifestazione Valerio Verbano

Cosa racconta quella data nel nostro territorio?
Coordinamento Aguzzano - 20 Febbraio 2021

Cosa racconta il 22 febbraio nel nostro territorio?

Una data che riporta indietro nella storia, a quella mattina del 1980 in cui Valerio Verbano veniva barbaramente ucciso dai fascisti dentro casa sua.

In molti, nel tempo, hanno detto: a cosa serve ricordare un episodio avvenuto così tanti anni fa? Perché rievocare episodi di un periodo così particolare della storia di Roma? In che modo la figura di Valerio Verbano ha un ruolo nel presente?

Sono le stesse domande che vengono poste quando si ricordano episodi simili, come quello di cui siamo protagonisti con San Basilio, storie de Roma per Fabrizio Ceruso.

La risposta si vede a occhio nudo. A 41 anni di distanza c’è ancora un’intera comunità che porta nelle strade il nome di Valerio. Una comunità fatta di giovani e meno giovani che ogni 22 febbraio si impegna anima e corpo per far sentire forte la voce di una memoria mai dimenticata, mai sopita. Nelle scuole, nelle realtà sociali, nelle piazze del quartiere Valerio Verbano è il simbolo di un determinato e convinto sentimento antifascista che, sebbene sbandierato e scritto ufficialmente nero su bianco, troppe volte viene messo da parte nel mondo in cui viviamo.

È proprio questo il significato più profondo del 22 febbraio nel presente: riaffermare e trasmettere alle nuove generazioni l’importanza di ripudiare il fascismo in ogni sua forma, ogni giorno, oggi come 41 anni fa. Come faceva Valerio, come fanno in tanti e tante ancora oggi. Quella comunità che grida il nome di Verbano punta dritto verso un futuro fatto di diritti per i giovani, per i lavoratori, per i migranti, per le donne, per tutti e tutte coloro che subiscono piccole e grandi oppressioni in questo mondo di disuguaglianze.

22 febbraio 2021, h.16:30 Via Monte Bianco

Adotta Abitare A

Prima foto: manifestazione per Valerio Verbano, 22 febbraio 2020 (foto @Daniele Napolitano)

Seconda foto: murales di Jorit per Valerio, febbraio 2021


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti