4 nuove commissioni per il Consiglio della Regione Lazio

Proposta votata anche dall’opposizione: in totale ci saranno 20 commissioni
di Dario Solarino - 13 Dicembre 2010

E’ stata votata all’unanimità una proposta di legge regionale, la numero 49, che prevede la creazione di altre 4 commissioni del Consiglio regionale del Lazio, che si andranno quindi a sommare alle 16 già esistenti, previste dal Regolamento.

Alla proposta, presentata in commissione Bilancio, hanno votato favorevolmente anche i partiti di opposizione, Pd, Italia dei Valori e Sinistra, ecologia e libertà.

In momenti come questi, in cui si sente continuamente parlare di tagli, razionalizzazioni, di austerity, la Regione Lazio ha deciso di aumentare la spesa interna per dare vita a queste quattro commissioni che si occuperanno di usura, sicurezza sul lavoro, federalismo fiscale (e Roma Capitale) e le Olimpiadi del 2020 (ed i grandi eventi). Queste le denominazioni delle nuove commissioni: "Federalismo fiscale e Roma Capitale", "Sicurezza ed integrazione sociale, lotta alla criminalità", "Sicurezza e prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro" e "Giochi olimpici 2020 e grandi eventi".

Questa mattina, lunedì 13 dicembre, alle ore 10, i Consiglieri regionali della Lista Bonino Pannella, Federalisti Europei alla Regione Lazio, Giuseppe Rossodivita e Rocco Berardo, insieme al Segretario di Radicali Roma, Riccardo Magi, con la partecipazione di militanti e cittadini, hanno tenuto una Manifestazione Sit-in davanti alla sede del Consiglio Regionale del Lazio, in via della Pisana 1301, contro la decisione di istituire queste 4 nuove Commissioni.

I consiglieri Rossodivita e Berardo hanno detto “Questa proposta è una vergogna, letteralmente una vergogna. Dalla commissione bilancio, dove si è concretizzata tale spartizione, hanno opportunamente escluso all’inizio della legislatura i rappresentanti radicali. Ci batteremo, ora, per impedire che tale inutile ulteriore spesa partitocratica venga fatta a danno dei cittadini contribuenti”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti