55 lampioni a led per il parco Baden Powell a Colli Aniene

Federico Carabetta - 29 Ottobre 2019

Il parco Baden Powell a Colli Aniene ha nuovamente l’illuminazione. Ha presenziato alla cerimonia di inaugurazione, alle 19 di lunedì 28 ottobre 2019, la sindaca di Roma Virginia Raggi con al fianco la presidente del IV Municipio Roberta Della Casa, l’assessore capitolino all’Urbanistica Andrea Mariotti e il responsabile della direzione Illuminazione pubblica di Areti SpA, Alberto Scarlatti.

La Sindaca è stata accolta da numerosi cittadini che la attendevano per la cerimonia dell’attivazione dell’impianto, ma alla fine l’onore di schiacciare il pulsante è stato graziosamente devoluto ad un gruppetto di bambini presenti.

Tra gli intervenuti, un gruppetto di signore attendeva di esporre a Sindaca e Presidente del municipio un altro e più immanente problema ma questo sarà oggetto di un altro articolo.

Tornando ad oggi, ad ottenere quei  nuovi 55 lampioni a led alimentati da un impianto a rete e non più a pannelli fotovoltaici, con consumi contenuti a meno di 1,5 kw/h, è stato l’impegno del municipio sollecitato dalle associazioni del territorio che sono: l’Associazione Vivere a Colli Aniene, I nostri figli al centro della sQuola, Amici del Parco Baden Powell.

La presidente del IV municipio Roberta Della Casa nel suo intervento si è così espressa: “È un parco molto vissuto da tutti i cittadini. Una delle prime segnalazioni dal nostro insediamento, e ora finalmente qui accenderemo la luce per non spegnerla mai più”.

A sua volta la sindaca Virginia Raggi: “Ringrazio i cittadini per la pazienza –- , perché so che aspettavate da 10 anni questo intervento. Noi stiamo lavorando molto con Acea Areti per quanto riguarda l’illuminazione e con Acea per il servizio idrico. Portiamo la luce dove non c’è mai stata ma facciamo anche microinterventi come questo, con cui ricuciamo un tessuto completamente slabbrato, un lavoro per ricostruire o costruire tanti impianti che non c’erano o funzionavano male. In questo modo l’amministrazione riparte dalle macerie che abbiamo trovato: ci saranno anche grandi opere, ovviamente, ma la vivibilità torna anche con questi interventi, un parco utilizzabile la sera o una strada senza più buche. Stiamo restituendo vivibilità alla città'”.

L’impianto preesistente, il primo degno di menzione, fu realizzato nel 2002 dall’allora sindaco di Roma Valter Veltroni quello delle passerelle facili.

Per questo impianto fu impiegata per la prima volta in un parco di periferia tecnologia d’avanguardia con pannelli fotovoltaici improntata all’efficienza e all’ecologia. Peccato che il tutto non durò quanto sarebbe stato ragionevole attendersi da una istallazione così raffinata e costosa. Come ci racconta chi da anni frequenta il parco, i punti luce dapprima furono oscurati dalla vegetazione, poi l’impianto, vittima di depredazione e dei vandali, fu abbandonato.

 

Federico Carabetta


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti