66° anniversario del rastrellamento del Quadraro

Il 17 aprile 1944 furono arrestate dai tedeschi 947 persone, poi deportate nei campi di concentramento in Germania e Polonia
di Antonio Scafati - 14 Aprile 2010

L’eccidio delle Fosse Ardeatine, a fine marzo 1944, è certamente l’episodio più noto della resistenza romana e il più efferato. Ma non è l’unico. Secondo in ordine di violenza è quello del Quadraro, che segue di pochi giorni il massacro delle Fosse Ardeatine. Il 17 aprile dello stesso anno, infatti, Kappler inflisse una seconda durissima lezione ai romani. L’episodio che scatenò il rastrellamento fu probabilmente l’uccisione di tre soldati tedeschi in una trattoria in via Calpurnio Fiamma, il 10 aprile del 1944.

Alle 4 di mattina del 17 aprile scattò l’operazione. I soldati tedeschi circondarono il quartiere del Quadraro, rastrellando oltre 2000 persone, selezionandone poi 947 che avrebbero lasciato le loro case e che, dopo varie tappe, a fine giugno avrebbero preso la via per i campi di concentramento tedeschi e polacchi. Di queste quasi mille persone, ne sono sopravvissute solo la metà.

Il VI e il X municipio ricorderanno questo episodio con due giorni di manifestazioni.
Sabato 17 aprile alle ore 10,00 una corona di fiori verrà deposta in via dei Quintili e nel “Parco 17 aprile 1944”.
Sempre in via dei Quintili, un’ora dopo la chiesa Evangelica Coreana ospiterà il gemellaggio con il comitato antimafia “Addio pizzo”.
In piazza dei Tribuni alle 21,00, poi, ci sarà il concerto di Daniele Sepe e la Brigata Internazionale.

Appuntamento al giorno dopo, domenica 18 aprile, quando le vittime dei rastrellamenti del Quadraro e delle Fosse Ardeatine verranno ricordate con un cicloraduno promosso dal gruppo cicliscito “Claudio Villa”.
L’ultima iniziativa legata ai 66 anni dal rastrellamento del Quadraro sarà la messa in scena di “Nido di vespe”, di Simona Orlando, una rappresentazione teatrale di strada che avrà come palcoscenico via dei Quintili, via dei Corneli, il tunnel pedonale che collega via dei Lentuli e via Decio Mure.

Nella foto il Parco 17 aprile 1944

Centro Commerciale Primavera

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti