A Giovanni Grasso il Premio letterario internazionale “Eugenia Tantucci” 2021

La Cerimonia di Premiazione della IX Edizione sabato 11 dicembre dalle ore 9.30, presso l’Aula Magna “Santa Caterina” a Borgo S. Angelo
Luigi Matteo - 2 Dicembre 2021

Sabato 11 dicembre dalle ore 9.30, presso l’Aula Magna “Santa Caterina” a Borgo S. Angelo, si svolgerà la Cerimonia di Premiazione della IX Edizione del Premio Letterario Internazionale Eugenia Tantucci 2021 organizzato da E.I.P. Italia, in collaborazione con l’ Accademia Italiana di poesia , l’Università LUMSA, il Ministero dell’Istruzione. Lo stesso Ministero ha dichiarato “evento di eccellenza” tale appuntamento con D.M. 655 del 9/6/2020.

Chi era Eugenia Tantucci

Eugenia Tantucci a cui è dedicato il “Premio Eugenia Tantucci” ha avuto due grandi passioni: la difesa dei beni naturali e culturali e l’amore per la diffusione della lettura e della poesia tra i giovani.

Nel 1975, chiamata dal Ministro Giovanni Spadolini, ha partecipato alla fondazione del Ministero dei Beni Culturali, per il quale ha ideato la Settimana dei Beni Culturali, che continua tuttora con grande successo e che nel 2004 le è valsa la stella d’argento del Presidente della Repubblica come benemerita della cultura, della scuola e dell’arte. Alla difesa dell’ambiente, prima come docente, poi come preside di prestigiosi istituti, ha dedicato grande energia attraverso battaglie civili e la formazione dei docenti e degli studenti con l’Associazione Italia Nostra, contribuendo in modo determinante negli anni ’80 al salvataggio dalla speculazione edilizia di Macchia Grande a Fregene, divenuta oasi protetta del WWF.

Negli ultimi vent’anni ha portato avanti, come segretaria nazionale dell’ULI (Unione Lettori Italiani), l’impegno per la diffusione della lettura nella scuola e presso gli adulti. Ha promosso il Concorso destinato alle scuole “Un autore per la scuola, un libro per domani”, in cui i ragazzi erano i giurati e sceglievano ogni anno, tra una rosa di proposte, il poeta vincitore. Tra le sue opere letterarie ricordiamo Il Ritorno. Storia di una famiglia italiana (1998), Attenta al lupo, Anna (2000) e un libro di prosa e poesia che rappresenta il suo testamento spirituale Ci sarà tempo ancora (2007), che ha ricevuto importanti riconoscimenti nazionali e internazionali.

Il vincitore

La prestigiosa Giuria presieduta da Elio Pecora, composta da Antonio Augenti, Pino Colizzi, Roberto

Vacca, Giuliano Montaldo, Lina Lo Giudice Sergi, Anna Paola Tantucci e i vincitori delle precedenti

edizioni, Giovanna Napolitano, Rita El Khayat, Piero Angela, Paolo Conti, Giovanni Floris, Giuliano Montaldo,

Giovanna Motta, Eraldo Affinati, ha assegnato quest’anno il Premio al libro: Giovanni Grasso, Icaro, il

Centro Commerciale Primavera Saldi 2023

volo su Roma, Rizzoli, 2021, con la seguente motivazione: “Un romanzo che legando un grande amore ad un sacrificio, illumina di luce il cammino della libertà” Giovanni Grasso è un giornalista, scrittore e autore televisivo italiano, consigliere per la stampa e la comunicazione del Presidente della Repubblica e direttore dell’ufficio stampa della Presidenza della Repubblica dal 2015.

Le scuole

La giuria ha inoltre assegnato i seguenti premi alle scuole che hanno partecipato alla sezione speciale del Premio 2021 per studenti delle scuole secondarie di II grado, per opere inedite di poesia, narrativa e saggistica:

Primo premio

Istituto Tecnico Industriale “Michele Faraday” di Roma-Lido. Racconto di scrittura collettiva Dietro il filo spinato (classe 1B S. Masiero, D. Saccu, D. Viscanti – classe 3ABA S.

Deidda, M. Minodora Zara – Prof. Amelia Addeo e Prof. Paola Baldoni)

Secondo premio ex aequo

IIS “Via Silvestri 301” Plesso Liceo Scientifico “Marcello Malpighi” – Roma

Poesia Diversità di Lara Lancellotti – La locanda dei ricordi di Elena Andreini – Un urlo nel silenzio di Martina Natale -classe 4B Prof .T. Anna Paudice

Liceo Classico “Lucio Anneo Seneca” – Roma

Poesia I fiori di Giulia Milone classe 3P – Prof. Paola Malvenuto e Prof. Gisella Bellantone

Menzione speciale

IIS Via Copernico” – Pomezia (RM): Trittico poetico di Paolo Battini classe 5A Liceo Scienze Applicate – Prof. Patrizia D’Andrea

 

La cerimonia sarà aperta con il saluto del Magnifico Rettore, prof. Francesco Bonini, cui farà seguito una tavola rotonda coordinata da Anna Paola Tantucci Presidente E.I.P. Italia sul tema “ Il cammino della libertà” con i contributi di Elio Pecora, Presidente della giuria, poeta e scrittore, Antonio Augenti Direttore Centro Servizi Educativi Consorzio Universitario Humanitas, Giovanni Grasso, Giornalista e scrittore, vincitore del Premio Letterario 2021, Paolo Conti, Giornalista e scrittore, Ottavio Fattorini, Coordinatore nazionale Ufficio Studi E.I.P Italia, Lina Lo Giudice Sergi Presidente Accademia Italiana di Poesia.

Letture di passi scelti di Eugenia Tantucci, di Giovanni Grasso e dei testi degli studenti a cura di Pino Colizzi.

Pino Colizzi, direttore del doppiaggio di più di 150 film traduttore in endecasillabi dei sonetti di Shakespeare editi dalla Soc. Ed. Dante Alighieri con due CD, presenti tra le Opere dell’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi, Premio “Braille” 2011 e Premio “Eugenia Tantucci” e traduttore di due tragedie di Friedrich Hebbel e dei Poemi di John Dunne.

 

Una proposta di pace e amicizia tra i popoli

Nell’evento sarà ricordato il grande contributo di Eugenia Tantucci al fortunato libro di Antoine de Saint Exupéry. L’Istituto di linguistica dell’Università Jagellonica di Cracovia ha curato un Saggio sulle traduzioni in lingue europee del Piccolo Principe. Il Capitolo che riguarda le traduzioni in lingua italiana è intitolato “Le Petit Prince-il Piccolo Principe: due gemelli un po’ diversi”. La Prof. Magdalena Bartkowiak-Lerc ha analizzato le due traduzioni in lingua italiana, la versione classica tradotta per l’editore Bompiani nel 1949 da Nini Bompiani Bregoli e quella di Eugenia Bruzzi Tantucci, critico letterario e autrice di romanzi, edita dalla Casa editrice Poseidonia di Bologna. La filologa analizza esempi di scelte lessicali, di costrutti e conclude che, nel caso della traduzione della Bruzzi Tantucci, il risultato finale è un testo amabile e appassionato, che coinvolge i sentimenti del lettore per il fatto che questi si trova di fronte un piccolo principe, anzi, un principino ancora più fragile che nella versione originale e nella traduzione canonica italiana. Segnaliamo Il Piccolo Principe nelle lingue dei Cantoni svizzeri (francese, tedesco, romancho e italiano) pubblicate nel 2019 dalla Casa editrice Tintenfass Verlag di Ginevra che ha scelto la traduzione italiana di Eugenia Bruzzi Tantucci


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti