A Piazza Mastai appuntamento con ‘Biodiversità, cibo e cultura nel Lazio’

Il 4 dicembre 2011 un evento a Km0 patrocinato da Arsial, Provincia e dal Comune di Roma
di G: V. - 18 Novembre 2011

 Parte dal cuore di Roma, Piazza Mastai a Trastevere, il messaggio dell’associazione “TeRRRe, Arte, Sostenibilità e Cultura” in difesa della biodiversità nel Lazio.

In programma infatti sabato 4 dicembre 2011 “Biodiversità, cibo e cultura nel Lazio”, un evento che si avvale del patrocinio dell’Arsial – Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio, Provincia di Roma e Comune di Roma, per continuare a ribadire l’esigenza della tutela dei sapori e dei saperi locali.

Piazza Mastai cambierà volto e si offrirà al pubblico di visitatori e turisti come la piazza di un villaggio dove scoprire ed assaporare, girando tra gli stand espositivi di decine di aziende selezionate, i genuini sapori di una volta. Tutto per diffondere una cultura eno-gastronomica all’interno di un progetto di promozione integrato che valorizzi i territori anche sotto l’aspetto artistico e culturale. Si ripropone una filosofia di vita, quella del Km0 in un proficuo rapporto senza intermediazioni tra produttori primari e consumatori. Una buona pratica che, grazie anche al sempre maggior numero di GAS-Gruppi di Acquisto Solidale si sta diffondendo sempre di più. Ciò garantendo un prezzo equo per agricoltori e allevatori e prodotti di prima qualità per le famiglie.

E il valore aggiunto che la biodiversità costituisce per un territorio, sarà nel corso della giornata al centro dell’incontro-dibattito alle 17 con il professor Carlo Blasi, uno dei massimi esperti in materia quale responsabile del comitato scientifico italiano sulla Biodiversità, membro della Commissione Scientifica UNESCO Man and Biosphere e direttore del Dipartimento di Biologia Vegetale dell’Università La Sapienza di Roma, e con Silvano Falocco, esperto di green economy.

Consapevole dell’efficacia della espressività artistica e culturale, per una iniziativa che mira a diffondere la buona novella della “biodiversità da tutelare”, TeRRRe ha guardato anche ad un indiscusso maestro del cinema italiano come Ermanno Olmi che della preservazione del territorio ne ha fatto una fede.

Alle 17.30 infatti è in programma la proiezione del film documentario “Terra Madre” (2008) frutto del lavoro e del confronto tra il grande regista e Carlo Petrini, altro paladino della biodiversità, quale fondatore e presidente internazionale di Slow Food.

L’evento “Biodiversità, cibo e cultura nel Lazio”, porterà nel cuore di Roma temi di importanza cruciale strettamente correlati all’identità della città e del suo hinterland in un intreccio di cultura e saperi che rendono anch’essi la Città Eterna e il Lazio territori unici e irripetibili.

La giornata del 4 dicembre segue di qualche mese l’altra importante iniziativa di TeRRRe che il 23 maggio 2011 ha organizzato con successo a Maccarese (Fiumicino) il convegno “Conservazione dell’agro biodiversità a scala locale e sue potenzialità per la piccola agricoltura nel Lazio” nell’ambito del quale è stato presentato il corso di formazione per le aziende agricole “Altra economia – riconversione di microimprese di produzione primaria per lo sviluppo sostenibile” frutto del lavoro condiviso di TeRRRe e della Società Cooperativa SPEA FRESIA, un progetto fortemente innovativo che ha vinto il bando del Piano Esecutivo Triennale Asse occupati dell’Assessorato alla Formazione della Provincia di Roma e che sta interessando in queste settimane oltre ventuno aziende agricole del territorio.

Adotta Abitare A

“Biodiversità, cibo e cultura nel Lazio”
4 dicembre 2011 – Piazza Mastai – Roma

Programma

ore 10: apertura “Mercato contadino”

ore 15: Teatro dei burattini

ore 17: Comunicazione sulla Biodiversità – Professor De Blasi – Responsabile del Comitato Scientifico Italiano della Biodiversità

ore 17.30: Proiezione del film “Terra madre” di Ermanno Olmi e Carlo Petrini.

ore 20: Chiusura

Associazione TeRRRe Arte, Sostenibilità, Cultura: associazione legalmente costituita a maggio 2010 che mira a contribuire, all’interno di un modello di vita sostenibile, alla promozione sociale. Consapevole che arte, cultura e natura sono tre pilastri delle attività umane che vanno preservati e vissuti in maniera partecipata, TeRRRe promuove e favorisce azioni che mirano alla valorizzazione del territorio in ambito artistico, culturale, economico istituzionale e sociale.

Per informazioni: Segreteria organizzativa TeRRRe – info@terrre.it – 331/47.05.096


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti