Acea, manifesti contro Alemanno

Il Sindaco denuncia autori per diffamazione
Enzo Luciani - 14 Giugno 2012

La vicenda Acea continua ad essere al centro della politica cittadina. Qualche giorno fa la rissa scoppiata due giorni fa in aula Giulio Cesare, ieri 13 giugno i manifesti dal testo "Alemanno: truffe e aggressioni per svendere l’acqua dei romani".

Ho dato mandato ai miei legali di procedere con una denuncia per diffamazione. E anche l’amministrazione, tramite l’Avvocatura capitolina, farà un esposto alla Procura della Repubblica contro gli autori dei manifesti per chiedere la verifica dei reati di calunnia, ingiuria e diffamazione". Cosi’ il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, in occasione di una conferenza stampa convocata per commentare i manifesti del Pd sulla questione dell’acqua.

"Il manifesto – ha aggiunto il primo cittadino – rigira il concetto di aggressione perchè se aggressione c’è stata è arrivata da parte di chi non voleva che si votasse. Poi definisce truffa una pregiudiziale che è stata vigilata dal segretario generale. Siamo di fronte ad una situazione limite. Ci farebbe piacere che il buon senso porti tutti ad abbassare i toni. Ma è chiaro che non ci faremo intimidire, noi andiamo avanti. Abbiamo predisposto un maxi emendamento che si puo’ discutere con modifiche ed aggiunte, pero’ nessuno puo’ pretendere di imporre ad una maggioranza e ad un governo una scelta strategica per la citta’".

Oggi 14 giugno in Assemblea capitolina al voto il maxiemendamento proposto dalla giunta.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti