Ad Anguillara “Contest I Suoni di Una Volta”

Partecipazione gratuita, basta inviare un messaggio vocale. Premiazioni il 25 settembre 2022 al Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare “Augusto Montori”
G. V. - 27 Agosto 2022

Il canto del gallo, l’asino che raglia, un ruscello che scorre, uno sciame di vespe, le cicale al Solleone, il favo di api, la pecora che bela, ma anche il maniscalco che batte il ferro, il treno che passa, il vetraio che soffia, il falegname che inchioda e molto altro.

Tutti suoni un tempo quotidiani ed oggi sempre più rari. Una memoria uditiva che va scomparendo e che invece l’Associazione Culturale Sabate, nell’ambito dei suoi scopi volti alla rivalutazione delle tradizioni popolari, intende riscoprire e custodire quale patrimonio collettivo. Con questi obiettivi l’associazione promuove, con il contributo del Parco di Bracciano-Martignano nell’ambito delle iniziative Tesori Naturali 2022 “Lazio Eterna Scoperta”, il “Contest I Suoni di Una Volta”.

Per partecipare basta inviare un messaggio vocale whatsapp al numero 360/805841 non più lungo di 30 secondi aggiungendo qual è il suono, il nome e cognome di chi l’ha raccolto, dove e quando è stato raccolto indicando anche l’ora esatta.

I suoni verranno catalogati e custoditi in un’apposita sezione sonora del Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare Augusto Montori e pubblicati in uno specifico podcast.

Verranno premiati nella giornata della finale domenica 25 settembre alle ore 10 al Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare “Augusto Montori” in via Doria D’Eboli ad Anguillara Sabazia, in pieno centro storico, i primi tre classificati selezionati da una giuria di esperti.

Sarà anche l’occasione per visitare il Museo che il 26 luglio scorso ha compiuto 30 anni di attività ininterrotta grazie ai volontari dell’Associazione Culturale Sabate. Era infatti il 26 luglio 1992 quando il Museo è stato inaugurato nella sua prima sede di Via Umberto I 22, lungo il corso principale del borgo, con il taglio del nastro da parte dell’allora anguillarino più anziano, Vincenzo Seri.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti