Ad Auschwitz con i sopravvissuti, per non dimenticare

Dichiarazione di Francesco Figliomeni, consigliere capitolino di Fratelli d’Italia e Vice Presidente dell’Assemblea Capitolina
Redazione - 7 novembre 2018

“La visita di quattro giorni presso i principali luoghi di deportazione e sterminio di milioni di persone ad Auschwitz, Birkenau, Cracovia ed Amburgo è stata molto intensa e piena di momenti di profonda commozione grazie soprattutto ai racconti dei sopravvissuti, Sami Modiano e Tatiana Bucci, che sono ritornati da quell’inferno.

“Quale vice presidente dell’Assemblea Capitolina e come rappresentante di Fratelli d’Italia ho partecipato al Viaggio della Memoria insieme al Sindaco Virginia Raggi, agli studenti di molte scuole superiori di Roma ed ai massimi esponenti dell’ebraismo italiano, rappresentati da Ruth Dureghello, presidente della comunità ebraica, e da Mario Venezia, presidente della fondazione Museo della Shoah. Molto apprezzata anche la presenza di una rappresentanza della società sportiva Lazio, con alcuni giovani calciatori guidati dai dirigenti Angelo Peruzzi ed Arturo Diaconale, occasione anche per ribadire le distanze da coloro che si resero protagonisti del “caso Anna Frank”.

“Abbiamo visitato i luoghi di morte e di annullamento dell’umanità, abbiamo ascoltato le testimonianze direttamente dalla voce di Tatiana e Sami i quali, oltre a descriverci le barbarie commesse dai nazisti, ci hanno resi partecipi dei momenti più tragici della loro esistenza, specie quando hanno perso i loro cari uccisi dai tedeschi nelle camere a gas. Momenti che non devono ritornare mai più e che, grazie al coinvolgimento dei tantissimi studenti che hanno partecipato attivamente alle serate di profonda riflessione su quanto accaduto, siamo sicuri che c’è ancora la speranza di un futuro migliore, consapevoli che le controversie internazionali possano e debbano essere risolte dalla diplomazia e senza guerre che comunque provocano guerre e distruzione. Gli esperimenti drammatici sulle donne e sui bambini, specie quelli commessi nel campo di Neuengamme e nella ex scuola Amburghese Bullenhuser Damm dove venti bambini vennero brutalmente uccisi, devono far capire all’umanità di che cosa è capace l’uomo e, soltanto con una incisiva azione culturale e di conoscenza su quanto accadde, potremmo evitare altre simili tragedie che, purtroppo, sono accadute anche in altre parti del mondo e tuttora vi sono rigurgiti di violenze terribili. Su questi temi non ci possono essere divisioni ed è assolutamente necessario evitare le strumentalizzazioni politiche, da qualunque parte esse provengano, lo dobbiamo a quei milioni di morti, lo dobbiamo ai sopravvissuti che hanno patito atroci sofferenze“.

Lo dichiara Francesco Figliomeni, consigliere capitolino di Fratelli d’Italia e Vice Presidente dell’Assemblea Capitolina.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti