Aeroporto di Ciampino chiude per lavori di rifacimento della pista

Dal 24 settembre al 2 ottobre 2012. Le compagnie low cost traslocano a Fiumicino
di M.G. T. - 24 Settembre 2012

L’aeroporto "G.B Pastine" di Roma Ciampino chiude per lavori e Fiumicino entra nel caos. Il secondo scalo della Capitale abbandona per ben 9 giorni, dal 24 settembre al 2 ottobre, i suoi passeggeri a causa delle operazioni di rifacimento della pista di atteraggio costringendo oltre 15 mila passeggeri a traslocare al "Leonardo Da Vinci".

Una mole di lavoro imponente per l’aeroporto di Fiumicino che dovrà assorbire i voli delle linee low cost (una novantina al giorno tra andata e ritorno, quasi tutti di Ryanair) quelli postali, merci e Vip dell’Aviazione Generale. Mentre gli aerei militari opereranno dallo scalo di Pratica di Mare.

La società di gestione, le compagnie aeree e tutti gli enti interessati si stanno mettendo in moto affinché il trasferimento non vada ad intaccare il servizio con disagi per i passeggeri ed eventuali rallentamenti nelle operazioni dello scalo. Approda a Fiumicino anche il personale che abitualmente opera a Ciampino, dagli addetti alla sicurezza al personale delle società di handling e degli uffici tecnici, le operazioni di check-in per chi parte dovrebbero essere svolte prevalentemente al Terminal 3 (solo Wizzair al T2), con un’area più decentrata dedicata ai voli extra Schengen.

Laboratorio Analisi Lepetit

Per i voli con destinazione Paesi dell’area Schengen le operazioni di accettazione saranno invece ”spalmate” tra le varie postazioni dello stesso Terminal. Quanto ai voli Vip, anche in questi nove giorni, come avviene a Ciampino, manterranno una collocazione separata: i passeggeri si imbarcheranno dal Terminal 5, quello riservato ai cosiddetti ”voli sensibili” delle Compagnie aeree americane e dell’israeliana El Al.

Un banco di prova per l’aeroporto Leonardo Da Vinci. Secondo il Comitato anti-rumore di Ciampino questa infatti potrebbe essere l’occasione per realizzare «l’auspicato e definitivo spostamento dei voli low cost da Ciampino a Fiumicino. In poche parole, cacciare Ryanair dall’aeroporto Pastine".

A sostenere questa tesi anche il sindaco di Marino Adriano Paolozzi, che dichiara: «Il Governo emani un’ordinanza per il trasferimento definitivo dei voli low cost dall’aeroporto Giovan Battista Pastine a quello di Fiumicino, vista la possibilità dello stesso di poter ricevere l’attuale volato dello scalo di Ciampino, come nella chiara disponibilità manifestata dal 24 settembre al 2 ottobre prossimi, in occasione della manutenzione della pista ciampinese»

Mentre contro il trasferimento del secondo scalo romano si batte da sempre la compagnia low cost Ryanair, che a Ciampino gestisce 44 rotte e l’80 per cento dei passeggeri movimentati. "Se Ciampino chiuderà, abbandoneremo Roma",afferma l’amministratore delegato della compagnia Michael O’Leary.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti