Aggiornamento sciopero trasporto pubblico

Peduzzi (Prc/FdS): “Solidarietà ai lavoratori in sciopero”
Enzo Luciani - 17 Novembre 2011

Per lo sciopero del trasporto pubblico locale a Roma alle ore 9 la situazione e’: metro A e B chiuse; Ferrovie urbane: Roma-Lido; Termini-Giardinetti e Roma-Viterbo chiuse. Per quanto riguarda Bus, filobus e tram sono possibili cancellazioni di corse o intere linee. Alle ore 12 aggiornamento della situazione. Lo rende noto Agenzia per la Mobilita’.
Gli scioperi di 24 ore sono stati indetti rispettivamente dalla Faisa Cisal in Atac e dal Sul in Roma Tpl; altri scioperi, di 4 ore, sono stati indetti da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti, Faisa Cisal e Sul, e riguardano tutto il servizio di trasporto della regione Lazio dalle 8,30 alle 12,30. Differito invece lo sciopero dei dipendenti Cotral.

Agenzia della Mobilità informa che secondo quanto rilevato da Atac Spa l’adesione allo sciopero tra i dipendenti dell’Azienda trasporti della Capitale alle ore 11 è stato del 53%.  L’adesione allo sciopero tra i dipendenti dell’Azienda che gestisce le linee periferiche della Capitale pari al 26%.

Alle 12.40 il servizio non è garantito sino alle 17. In particolare: le metro A e B sono chiuse; la ferrovia Roma-Lido è riaperta ma con con servizio ridotto. Non sono attivi scale mobili e ascensori nelle stazioni San Paolo, Acilia, Ostia Antica, Lido Nord. Chiuse invece le ferrovie urbane Termini-Giardinetti e Roma-Viterbo. Sono inoltre in corso cancellazioni di corse o di linee di bus, filobus e tram.

“Oggi è particolarmente importante solidarizzare con i lavoratori del trasporto che, con lo sciopero in corso, non protestano solo in difesa dei propri diritti e contro i tagli al settore, ma anche per rivendicare il diritto alla mobilità di tutti i cittadini. Nel Lazio questo diritto è messo a rischio dai tagli che il Governo ha operato nel settore dei trasporti regionale, meno 75% di risorse negli ultimi due anni, e dalla completa assenza di programmazione che il centrodestra della Polverini non è capace di costruire”. Lo afferma, in una nota, Ivano Peduzzi, capogruppo della Federazione della Sinistra alla Regione Lazio. “Pianificare l’offerta -prosegue- integrando, coordinando e unificando la gestione di tutti i settori, urbano, extraurbano e ferroviario, significherebbe fare sinergia e razionalizzare anche il rapporto tra costi e benefici. Una strada –conclude Peduzzi- che la Giunta Polverini non vuole percorrere preferendo la solita e fallimentare ricetta: aumento delle tariffe, tagli, peggioramento delle condizioni di lavoro e disservizi continui che esasperano pendolari e cittadini”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti