Al via il progetto “Il lavoro, non per caso”

L'iniziativa promossa dall’associazione “Il Faro” e Unicredit per la formazione e l’inclusione lavorativa di dieci giovani
Enzo Luciani - 25 Gennaio 2013

Prosegue l’impegno per il sociale di UniCredit. Grazie ai contributi raccolti con Carta E – la carta del Gruppo che, senza alcun costo aggiuntivo per il titolare, destina il 2 per mille di ogni spesa effettuata a un fondo per iniziative e progetti di solidarietà – sarà finanziato il progetto “Il lavoro, non per caso”.

L’iniziativa, promossa dall’associazione “Il Faro”, fondata da Susanna Agnelli, favorirà l’inclusione lavorativa di dieci giovani provenienti da contesti di disagio sociale. I fondi destinati al programma sono pari a 21.500 euro e serviranno alla formazione mirata di professionalità richieste da aziende già individuate dall’associazione. Un aiuto concreto che consentirà dunque a 10 giovani di porre le basi per il proprio futuro e impostare un nuovo progetto di vita.

“Grazie ai titolari di Carta E e alla passione dei nostri colleghi – ha dichiarato Frederik Geertman, Regional Manager del Centro Italia di UniCredit – siamo oggi in grado di dare un contributo tangibile a progetti per la creazione di nuovi posti di lavoro. I progetti di inclusione lavorativa e imprenditorialità sociale rappresentano una delle migliori strade per attenuare il crescente disagio sociale conseguente alla caduta dei livelli di occupazione”.

La Fondazione Il Faro nasce nel 1997 grazie all’impegno e alla volontà di Susanna Agnelli. Dall’incontro con don Luigi Di Liegro nacque l’idea di creare un centro di orientamento e formazione. La scelta della sede ricadde su Roma, dove dal 1958 la Famiglia Agnelli aveva sostenuto una scuola convitto per infermiere professionali. Fu così che nel cuore di Monteverde, in un grande edificio di proprietà della Croce Rossa Italiana, iniziò a vivere e operare la Fondazione, che Susanna Agnelli pensò come “un faro per la città e i suoi ragazzi”.
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti