Al via la campagna antinfluenzale 2013

Distribuiti un 1 milioni e 120 mila dosi di vaccino a medici di base, pediatri e Asl del Lazio
La redazione - 15 Ottobre 2013

Non fatevi ingannare dalle temperature miti della Capitale, anche quest’anno la tanto temuta influenza è pronta per farvi visita. E quale arma migliore per sconfiggerla se non prevenirla prendendo parte alla campagna antinfluenzale 2013 della Regione Lazio, che dal 15 ottobre al 31 dicembre, metterà a disposizione gratuitamente 1 milione e 120 mila dosi di vaccino distribuite da medici di famiglia, pediatri e Asl.

vaccino-antinfluenzalePotranno usufruire del servizio: anziani con più di 65 anni, bambini, adulti con problemi cardiologici, respiratori, insufficienza renale, diabete, tumori e immunodepressione causata da Hiv, donne che si trovano al secondo e terzo trimestre di gravidanza, familiari e contatti di persone ad alto rischio, medici e personale sanitario che lavora a contatto con animali, personale delle forze dell’ordine, vigili del fuoco e della protezione civile e altri addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo.

Lo scopo principale dell’operazione della Regione Lazio è quello di coprire il 75% della popolazione del territorio, con un investimento di 12 milioni di euro, scongiurando così un’eventuale spesa maggiore per la cura dei pazienti che accorrono in ospedale a seguito di complicazioni derivanti dalla sindrome influenzale.

«Abbiamo coinvolto oltre 4 mila medici di famiglia del Lazio – ha spiegato Nicola Zingaretti – per fare in modo che la prevenzione sia efficace e possano essere confermati i buoni risultati raggiunti in passato. Parte integrante dell’operazione consiste anche nell’attività di monitoraggio, effettuata della rete di 100 medici sentinella – conlude il presidenre del Lazio – distribuiti su tutto il territorio regionale, pronti a segnalare i casi di influenza e stimare l’intensità della circolazione epidemica, contribuendo all’individuazione dei ceppi virali circolanti.”


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti