Alberi caduti, Bordoni (Lega): «Ho rischiato di morire, nessuno dal Comune si è fatto sentire»

Il consigliere capitolino: "L'esperienza che accomuna tutti i sopravvissuti"
Redazione - 28 Settembre 2020

“Crolla albero al Nomentano, ragazza 19enne esce viva per miracolo dalla vettura colpita. La mancata manutenzione e l’incuria che caratterizzano il governo a cinque stelle continuano a mettere a rischio la sicurezza pubblica”.

È quanto afferma il consigliere capitolino della Lega-Salvini Premier Davide Bordoni.

“Siamo in piena emergenza – prosegue Bordoni – e Raggi non può limitarsi a dire che il monitoraggio delle piante è stato avviato e che sono stati fatti dei controlli, nè il marito della sindaca può avventurarsi sui social a minimizzare l’accaduto. La situazione è seria, vanno passate al setaccio tutte le aree verdi della città. Prima che ci scappi il morto, mi auguro che la sindaca capisca che è necessario un Piano straordinario. Trovi il modo di sbloccare e impegnare i fondi rimasti inutilizzati. Solo nel 2020 si contano altre due gravissimi episodi, a piazza Venezia e ancor prima a Valle Aurelia, entrambi con ricovero urgente al pronto soccorso. «Ho rischiato di morire, nessuno dal Comune si è fatto sentire» è l’esperienza che accomuna tutti i sopravvissuti. Dopo le strade killer ora anche le piante che precipitano sulla testa delle persone: questa Giunta, inadeguata, produce solo danni. Chiediamo all’Amministrazione di fare una mappatura urgente di tutte le piante a fusto che ci sono in città, prima che si verifichi nuovamente una disgrazia”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti