Alberi e giochi per i bambini. Lo chiedono le 108 famiglie di via Grotta di Gregna 175

Con una lettera alla delegata del Sindaco per il IV Municipio, Roberta Della Casa
Redazione - 25 Maggio 2021

Le 108 famiglie residenti nel nuovo palazzo di via Grotta di Gregna 175, attraverso l’Amministratore del Condominio, si sono rivolte alla ex presidente del IV Municipio (ora delegata del Sindaco) Roberta Della Casa per sollecitare la riqualificazione dell’area che si trova tra il condominio e l’Autostrada A 24.

I residenti chiedono che nella stessa venga realizzata una striscia di alberature che formino una barriera per il contenimento del rumore proveniente dal viadotto autostradale, un parco giochi per i bambini, un’area cani, ecc.
«Una parte – scrive l’Ammnistratore a nome dei condomini – potrebbe inoltre essere destinata a parcheggio pubblico (circa 15 posti auto) vista l’inesistenza di una carreggiata stradale in prossimità del nuovo complesso immobiliare per il parcamento delle autovetture che obbliga gli ospiti a parcheggiare a notevole distanza dal fabbricato (praticamente nell’area antistante alla Conad di via Collatina)».

«L’area in questione – precisa la lettera – era stata consegnata alla società costruttrice CAM S.p.A. affinché provvedesse – una volta ultimato il cantiere – a restituire la stessa al Municipio sistemata e fruibile ai condomini. Ad ultimazione dei lavori l’area è stata semplicemente rilasciata nello stato di abbandono in cui si trova senza che possa essere minimamente utilizzata da nessuno (il cancello è chiuso con lucchetto e l’area recintata)».

… E strisce pedonali

I residenti sono arrabbiati ed esasperati – si dicono disposti a votare alle prossime amministrative chiunque prenda seriamente in considerazione le loro richieste –  anche per la mancanza di sicurezza in cui si vengono a trovare quando devono attraversare a piedi via Grotta di Gregna per le auto che sfrecciano ad alta velocità e senza controllo.

«Si sollecita ancora una volta, – scrivono a questo proposito al Municipio – per quanto di competenza prima che possa accadere qualcosa di irreparabile, la realizzazione delle strisce pedonali per l’attraversamento dei pedoni verso il marciapiede opposto vista l’inesistenza sul lato del Condominio del ciglio stradale e del marciapiede.»


Commenti

  Commenti: 1


  1. bell’articolo, ora dobbiamo muoverci noi del condominio con una raccolta firme prima delle elezioni per insistere per il parco pubblico e i parcheggi come da piano regolatore.

Commenti