Alfonsi – Baglio: “Sindaca chiarisca cosa intende fare per sostenere nidi convenzionati”

Redazione - 24 Marzo 2020

“La settimana scorsa, dopo aver ricevuto una richiesta da parte dell’Associazione Onda Gialla, abbiamo effettuato un accesso agli atti al Campidoglio per capire quali atti avesse messo in campo per rispettare il decreto legge n.16 del 2018 che dispone che gli enti locali provvedano al pagamento ai gestori privati dei servizi educativi e scolastici sulla base delle somme iscritte a bilancio. A oggi però nessuna risposta è arrivata da parte della Sindaca.”

Così si legge in un comunicato a firma di Valeria Baglio, consigliera Capitolina, e Sabrina Alfonsi Presidente del Municipio Roma I Centro.

“In dato odierna – precisa la Presidente del Municipio Roma I Centro Sabrina Alfonsi – ci è arrivata, per conoscenza, una sollecitazione che l’associazione Onda Gialla ha inviato alla Sindaca per denunciare il fatto che nessuna risposta sia arrivata dal Campidoglio dopo le loro richieste. La sospensione delle rette per i migliaia di famiglie romane per servizi che non ricevono è sacrosanta e dovrà valere per tutte le strutture scolastiche, comunali o in concessione, sia private, per non creare disparità di trattamento tra cittadini, ma questo apre un problema per quelle strutture in convenzione che hanno organizzato i loro servizi tenendo conto di una cifra che comprendeva sia la quota degli utenti che dell’integrazione prevista del Campidoglio”.

“Proprio per capire come gestire questa emergenza che rischia di colpire diverse strutture scolastiche che svolgono un ruolo fondamentale per la nostra città – aggiunge Valeria Baglio consigliera comunale PD – venerdì ho presentato un accesso agli atti su cui speriamo di ricevere al più presto una risposta”.

“Invitiamo la Sindaca – concludono le due esponenti Dem – a farsi carico immediatamente delle quote non introitate dai gestori, quantomeno per i posti in convenzione, utilizzando le risorse finanziarie straordinarie previste dal decreto Cura Italia”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti