Ama celebra la Madonna della strada

i comunicati dell'Ama - 25 Maggio 2012

Questa mattina 25 maggio, presso lo stabilimento Ama di Ponte Malnome, si sono svolte le celebrazioni in onore della Madonna della Strada. La protettrice dei netturbini romani è stata ufficialmente riconosciuta come patrona nel 2003, tramite decreto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti sottoscritto da Papa Giovanni Paolo II. In occasione della cerimonia odierna è stata collocata nell’area verde adiacente al piazzale dello stabilimento una statua che riproduce fedelmente quella già presente nell’impianto Ama di Rocca Cencia. Anche in questo caso la raffigurazione della Madonna della Strada è stata acquistata dai dipendenti aziendali.

Dopo la solenne benedizione della statua padre Cristoforo Sironi, cappellano AMA, e Padre Ricky Ignacio, parroco di Santa Maria Madre della Divina Grazia, hanno concelebrato una Messa per i lavoratori dell’azienda. Al termine della Santa Messa i concelebranti hanno poi impartito la benedizione ai mezzi aziendali e a tutto l’impianto.

Alla celebrazione religiosa, insieme con i dirigenti e i dipendenti aziendali, hanno partecipato l’Assessore all’Ambiente di Roma Capitale, Marco Visconti, il Presidente di Ama Piergiorgio Benvenuti, l’Amministratore Delegato Salvatore Cappello e i consiglieri d’amministrazione Teresa Fasoli e Stefano Commini. A tutti i presenti è stata distribuita come ricordo dell’evento una cartolina con l’immagine della Madonna della Strada e la preghiera del netturbino.

Il Presidente Benvenuti ha espresso il suo ringraziamento “ai lavoratori che si sono adoperati per la collocazione della Statua della Madonna della Strada anche in questa sede aziendale. La struttura di Ponte Malnome svolge un servizio importantissimo per tutta la città e, in particolare, qui vengono effettuate operazioni estremamente delicate come la distruzione dei rifiuti speciali, ospedalieri e degli stupefacenti sequestrati dalle forze dell’ordine”.

L’amministratore Delegato Cappello ha invece sottolineato come “questa cerimonia rappresenta un importante e sentito momento di aggregazione di tutta l’azienda. Ama è soprattutto una comunità fatta di donne e di uomini che, ogni giorno, si adoperano con professionalità, dedizione e spirito di sacrificio per assicurare ai romani e alle migliaia di turisti che ogni giorno vengono ospitati da questa città, strade pulite e decorose”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti