Ama: “Denunciata ripetutamente assenza dispositivi anti Covid”

Rachele Mussolini (“Con Giorgia”): “Vergognosa assenza tutela lavoratori”
Redazione - 17 Aprile 2020

«La scorsa settimana, con una mozione ed un ordine del giorno a mia prima firma, avevo denunciato l’assenza di adeguate protezioni “salva virus” per gli operatori dell’Ama, costretti a lavorare senza guanti, mascherine e disinfettanti. Avevo, tra l’altro, anche allertando Sindaca e assessore competente sul rischio concreto che questa situazione potesse degenerare fino ad arrivare a uno sciopero. L’amministrazione a cinque stelle, però, ancora una volta, ha preferito fare orecchie da mercante e ignorare un problema ancora più pericoloso per la situazione emergenziale in corso.

Capisco, però, anche l’esasperazione nella quale si trovano gli operatori dell’Ama. Sono già emersi altri cinque casi positivi al coronavirus e, ormai, si parla apertamente di un focolaio anche nell’autorimessa di Rocca Cencia, dove lavorava il capo operaio venuto a mancare nei giorni scorsi per Covid_19. Tuttavia l’azienda continua a non garantire la sicurezza dei propri dipendenti, che sciopereranno il 20 aprile prossimo. A mancare non sono però solo mascherine, guanti e gel disinfettanti, ma anche le sanificazioni necessarie di macchinari e locali utilizzati, il vestiario da indossare durante i turni di lavoro. Come se non bastasse, poi, chi chiede di lavorare in sicurezza viene fatto oggetto di minaccia o gli vengono ventilate ipotetiche contestazioni disciplinari. Trovo che tutto questo sia vergognoso e inaccettabile. Ma la Sindaca non dice niente? Commissariamo AMA fino ad emergenza sanitaria in corso: la tutela della salute dei dipendenti viene prima dei capricci della amministrazione».

Così Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia e Vice Presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale

Fresco Market
Fresco Market

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti