Amref dona 24 giochi per bambini in difficoltà del III Municipio

Redazione - 8 Maggio 2020

“Un gioco da tavolo da Nairobi a Roma per 24 bambini in difficoltà nel III Municipio in cui si può vincere solo insieme, mettendo in campo competenze individuali e collettive, valori come la riconoscenza e l’amicizia. Questo il senso di Komboleo, il meraviglioso gioco che Amref ha donato ai minori tra i 6 e 11 anni in estrema fragilità del nostro territorio: un regalo speciale dedicato a quanti in questi giorni stanno sperimentando la privazione di contatti umani e sociali basilari in uno dei momenti chiave della crescita e della formazione della propria personalità. Un gioco per sostenere quanti in questa fase sono più colpiti, andando oltre il pacco di prodotti alimentari e la spesa sospesa. Viene in mente Paolo, il bambino che era 7 bambini, scritto da Gianni Rodari, di Roma ma anche di Nairobi e si chiamava Imani, che leggeva favole in lingue diverse ma rideva ovunque nella stessa lingua. Ringrazio Amref per questo gesto che promuove un senso di responsabilità collettiva e fornisce una lezione che si rivolge, oggi più che mai, anche a noi adulti.”

“Si tratta di un gioco da tavolo cooperativo – chiarisce Claudia Pratelli, Assessora alla scuola del III municipio – realizzato dai ragazzi fragili nell’ambito del progetto Out of the street di Amref che comprende 8 personaggi ognuno dei quali ha dei punti di forza e di debolezza molto marcati. L’ obiettivo è trovare e riportare a casa un componente del gruppo in pericolo. Se ci riusciranno, avranno vinto tutti. In caso contrario perderanno, ma lo faranno comunque insieme e, insieme, potranno riprovarci. Per vincere i protagonisti dovranno collaborare rispettando alcune regole (come lavarsi le mani, ad esempio), usare competenze proprie come la creatività o il coraggio e affrontare, uniti, paure e fantasmi individuali”.

Fresco Market
Fresco Market

“Komboleo è una parola swahili che significa salvare per cambiare. Un messaggio che vale per tutti, soprattutto per le istituzioni, valido qui e adesso perché si esca da questa fase di emergenza sanitaria più forti e migliori ricordando che nessuno deve essere lasciato solo” conclude Maria Concetta Romano, Assessora alle politiche sociali del III Municipio.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti