Anche i farmacisti scioperano

Giornata di chiusura delle farmacie per protestare contro i tagli previsti dal decreto Spending Review
Enzo Luciani - 27 Luglio 2012

Ieri 26 luglio le farmacie private italiane sono rimaste chiuse al pubblico per protestare contro i tagli previsti dal decreto Spending Review. 

“E’ una delle rare volte che i farmacisti abbassano la saracinesca in tutta Italia e già questo dice qualcosa dell’insostenibilità di questi tagli – ha dichiarato Annarosa Racca, presidente di Federfarma Protestiamo contro il decreto della Spending Review che aumenta esponenzialmente il contributo dovuto dalle farmacie allo Stato per la vendita dei farmaci inclusi nel Sistema Sanitario Nazionale (SSN). E questa è solo l’ultima delle manovre che in questi anni si sono abbattute sul sistema farmacia, rischiando di vanificare il faticoso percorso di trasformazione della farmacia tradizionale in farmacia dei servizi, esaltando quindi il suo caratteristico ruolo sociale di presidio sanitario sul territorio. Per essere più precisi, negli ultimi 10 anni l’aumento degli oneri delle farmacie è stato stimato in 7 miliardi di euro”.

“Al Governo chiediamo la cosiddetta riforma della remunerazione – ha specificato Racca – cioè di quel contratto che regola i rapporti tra farmacie e Stato scaduto nel 1998 e mai rinnovato! La nostra proposta è quindi quella di una riforma che veda le farmacie diversificare la propria offerta grazie ai servizi ed alla parallela deospedalizzazione dell’assistenza. Ed in sostituzione di tagli lineari chiediamo che le farmacie vengano pagate dallo Stato per quello che saranno in grado di far risparmiare al SSN in minori cure o minore spesa. Finalmente è stato aperto un tavolo di confronto con il Ministro della Salute, ma se le nostre ragioni non venissero ascoltate siamo già pronti ad altre forme clamorose di protesta”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti