Appello a Federdistribuzione dei Gruppi Ricerca Ecologica

Lo scopo è agire direttamente sulla filiera tramite un’azione di moral suasion affinché si sposino comportamenti virtuosi per una riduzione degli imballaggi inquinanti
Redazione - 20 Aprile 2019

I Gruppi Ricerca Ecologica, storica organizzazione di protezione ambientale attiva dal 1978 e riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ha lanciato un appello tramite social direttamente a Federdistribuzione, l’organismo espressione della Distribuzione Moderna Organizzata composto da cinque associazioni nazionali che rappresentano un universo articolato di imprese e di multicanalità differenziate per dimensioni, forme distributive e merceologie trattate: ADA (Associazione Distributori Associati), ADIS (Associazione Distribuzione Ingrosso a Self-Service), AIRAI (Associazione Imprese Retailer Alimentare), ANCIDIS (Associazione Nazionale Commercio Imprenditoriale al Dettaglio e Imprese Specializzate Non Food), Federdistribuzione Franchising (Associazione con imprese operanti nel comparto alimentare e non alimentare che operano nel franchising in qualità di “Franchisor”).

Scopo dell’appello è agire direttamente sulla filiera tramite un’azione di moral suasion affinché si sposino comportamenti virtuosi tendenti ad una riduzione degli imballaggi inquinanti: «La riduzione della plastica non può che passare da una minore offerta sul mercato – affermano i Gruppi Ricerca Ecologica – abbiamo promosso questo appello a Federdistribuzione affinché come associazione di imprese si faccia promotrice di azioni concrete, dal momento che una grande quantità dei milioni di tonnellate di plastica disperse ogni anno nell’ambiente e nel mare è rappresentata dagli imballaggi di prodotti in vendita nella Grande Distribuzione».

«Pur comprendendo che la funzione del packaging non è più solo quella di custodire fisicamente i prodotti dalle impurità e dagli agenti esterni per tutto il tragitto dal luogo di produzione al luogo di consumo – continuano i GRE, che sin dal 1986 hanno sollecitato interventi volti a fermare l’invasione immanente della plastica, inviando decine di migliaia di cartoline contenenti un appello in tal senso all’allora Presidente della Repubblica Francesco Cossiga –  riteniamo che l’industria ed il commercio non possano più prescindere da una corretta valutazione anche dell’impatto ambientale delle loro scelte, anche in termini di marketing. Già da diversi mesi i nostri analisti hanno evidenziato come la GDO inviti eccessivamente all’acquisto di prodotti non-sostenibili: a febbraio, ad esempio, i volanti offerte dei due maggiori operatori della grande distribuzione di Milano proponevano nel settore cura della persona e pulizia della casa ben 54 prodotti in contenitori e flaconi in plastica, a fronte di una sola proposta eco.  L’invito che rivolgiamo a tutti è di condividere l’appello e pubblicargli per dare il massimo risalto affinché anche la distribuzione faccia la sua parte in questa battaglia per salvare il Pianeta».

Quattro gli interventi fondamentali che i Gruppi Ricerca Ecologica chiedono di attuare a Federdistribuzione:

  1. una decisa svolta nell’offerta di prodotti ecocompatibili già in commercio;
  2. in assenza di interventi da parte dei maggiori marchi di produttori, un’iniziativa della GDO nell’offrire come privaty label soluzioni in imballaggi a basso impatto ambientale (ricariche, per ogni tipologia di prodotto);
  3. l’adozione, nei punti vendita, di reparti di prodotti alla spina;
  4. una sostanziale riduzione degli imballaggi in plastica.

La campagna è nazionale ed è collegata al lancio dell’hashtag #menoplasticaperilpianeta. Su Instagram l’appello è stato già sottoscritto dalle seguenti pagine di associazioni e profili impegnati nella divulgazione di temi ambientali:

@gruppiricercaecologica
@greenfreewomen
@curalaterra
@cittadini_sostenibili
@laminifactory
@studentisostenibili
@vivere_senza_rifiuti
@plasticaqquataranto
@greenbassi_
@the_greatcanyon
@cleancoastsardinia
@pensare.green
@zerowasteapulia
@retezerowaste
@filippoorso
@pianeta_idee_ambiente
@ripuliamocatania
@save_the_plnet_
@earth.it_
@biobeautifulblog
@grelazio
Per contatti: 3355455535


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti