Arrestati ricettatori di Hi tech. Recuperato software per sbloccare protezioni palmari rubati

Enzo Luciani - 26 Novembre 2011

 All’interno dell’auto e dell’abitazione in uso ai due “soci” in affari gli agenti della Squadra Mobile di Roma, diretti dal dr. Vittorio Rizzi, nell’ambito di un’attività di indagine finalizzata al contrasto del fenomeno della ricettazione, hanno rinvenuto un ampio catalogo di telefoni cellulari e palmari hi-tech nonché di capi d’abbigliamento di marca con ancora applicato il cartellino con il codice identificativo ed ancora altri prodotti di dubbia provenienza.

Dopo alcuni riscontri effettuati negli ultimi giorni gli agenti della Squadra Mobile hanno deciso ieri sera (25 novembre N.d.r.) di far scattare il controllo a carico del cittadino albanese di 40 anni e di un algerino 39enne.
I due viaggiavano nel tardo pomeriggio di ieri a bordo di una Smart e già all’atto di un primo controllo hanno confermato i sospetti degli uomini della Squadra Mobile: sul cruscotto dell’auto vi era infatti un tablet di ultima generazione di cui i due non hanno saputo dare giustificazioni.
A quel punto gli investigatori hanno deciso di approfondire le verifiche trovando all’interno dell’auto un ulteriore palmare ed un hard disk su cui adesso sono in corso ulteriori accertamenti. All’interno, infatti, da un primo esame è stata riscontrata la presenza di programmi craccati per lo sblocco di I-phone rubati.

L’attività della Squadra Mobile è quindi proseguita con le perquisizioni presso l’abitazione in uso ai due.
A questo punto la gamma dei prodotti di verosimile provenienza furtiva si è estesa con ulteriori telefoni cellulari, capi d’abbigliamento e penne e ad una macchina fotografica di valore.
Uno dei tablet trovato è risultato oggetto di furto avvenuto due notti fa presso uno studio professionale in zona Eur.

Per i due è scattato così il fermo di indiziato di delitto per ricettazione.
Sono in corso ulteriori riscontri per risalire ai proprietari dei prodotti recuperati e procedere alla relativa restituzione.

 

Per scaricare il video, basta cliccare, o richiamare nel browser, il seguente link: http://www.poliziadistato.tv/c_Ht8RDJld3s

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti