“Assenti ingiustificati” di Simone di Biasio

Venerdì 22 novembre 2013 alle ore 18 presso Mangiaparole - Libreria Caffè Letterario in via Manlio Capitolino, 9 a Roma
Redazione - 16 Novembre 2013

Venerdì 22 novembre 2013  alle ore 18 presso Mangiaparole – Libreria Caffè Letterario in via Manlio Capitolino, 9 a Roma la Casa Editrice Edilazio organizza la presentazione del volume Assenti ingiustificati di Simone Di Biasio

Interventi di:

Claudio Damiani, Giorgio Linguaglossa, Massimo Pacetti.

Il  libro è prima raccolta di versi di Simone di Biasio, giovane promessa della poesia italiana contemporanea. La silloge “Assenti ingiustificati” ha ricevuto, a febbraio 2013, la “palma” tra i vincitori del Premio “I Tredici” del Centro di Poesia di Roma nella Sala della Protomoteca del Campidoglio. Si è accorto per primo di lui Claudio Damiani, che firma la prefazione al volume edito dalla casa editrice romana “Edilet – Edilazio Letteraria” diretta da Marco Onofrio, già avvezza al lavoro di talent scout.

La copertina del volume è stata ideata da Veronica di Biasio, sorella dell’autore e studentessa di graphic design, mentre il dipinto in primo piano (“Theseus”, 2003) è opera del pittore irlandese André Durand, amico personale del poeta e illustre esponente del Neomodernismo.

Simone di Biasio è nato a Fondi (LT) nel 1988. Laureato in Comunicazione a “La Sapienza” di Roma, è giornalista pubblicista e lavora come ufficio stampa per eventi ed Enti pubblici e privati. È tra i fondatori e presidente dell’Associazione “Libero de Libero”. È stato tra i premiati del Concorso internazionale di poesia “Castello di Duino”, nel 2011 ha vinto il Premio di Poesia “E. Cantone” a Savignano sul Rubicone e dallo stesso anno è ospite di “Educare alla bellezza” di Davide Rondoni. Sempre nel 2011 è stato premiato con la “Coppa Cinelli” al concorso nazionale “Latina in versi”. A luglio 2013 è stato invitato a “Parco Poesia” a Rimini da Isabella Leardini, Festival dedicato ai giovani poeti degli Anni Ottanta e Novanta.

 

 

Adotta Abitare A

 

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti