Atac. Campidoglio, agevolazioni per abbonamenti annuali agli studenti under 16

Stanziati oltre 2,4 milioni di euro. Risparmi fino a 220 euro per le famiglie a basso reddito 
Redazione - 12 Luglio 2020

Partono le agevolazioni per gli under 16: a partire dal 1 agosto gli studenti potranno usufruire di uno sconto per l’acquisto dell’abbonamento annuale del trasporto pubblico locale. Grazie ai finanziamenti di Roma Capitale la nuova agevolazione consentirà ai giovani studenti, nati dopo il 31 dicembre 2004 e residenti a Roma, di acquistare l’abbonamento annuale Metrebus Roma a un costo che va dai 30 ai 70 euro, a seconda della fascia di reddito ISEE, anziché a 250 euro.

Per usufruire dello sconto, dal 13 luglio 2020 e fino a esaurimento della quota stanziata dall’Amministrazione comunale, che consentirà di erogare complessivamente 16.300 abbonamenti, gli interessati dovranno richiedere attraverso i propri genitori/tutori l’agevolazione tariffaria compilando il web-form presente sul sito di Atac dove sono disponibili tutte le informazioni (atac.roma.it/under16). Roma Capitale ha stanziato per l’iniziativa un finanziamento complessivo di oltre 2,4 milioni di euro.

L’azienda provvederà alle verifiche e al rilascio dell’agevolazione, qualora tutti i requisiti siano rispettati e fino a esaurimento fondi per ognuna delle quattro categorie di fasce di reddito.

I giovani studenti che ne hanno diritto riceveranno un voucher spendibile presso le biglietterie Atac dal 1 agosto al 31 dicembre 2020. L’esito della verifica e il rilascio del voucher sarà trasmesso tramite e-mail.

A tutti i giovani che otterranno l’abbonamento agevolato, in distribuzione a partire dal 1 agosto, Atac consegnerà in omaggio una speciale porta card a tiratura limitata dedicata ai ragazzi.

“L’agevolazione è prevista per tutte le fasce di reddito. Gli studenti under 16 residenti a Roma potranno richiedere questa speciale card a partire da agosto grazie a un finanziamento complessivo di oltre 2,4 milioni di euro. Promuoviamo l’utilizzo del trasporto pubblico locale e diamo un aiuto concreto alle famiglie”, spiega l’assessore alla Città in Movimento, Pietro Calabrese.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti