Atac, cassonetti Ama nell’ex deposito di San Paolo

Catarci: "valorizzazione puramente economica e a vantaggio di pochi"
Enzo Luciani - 19 Ottobre 2012

Circa un anno, nell’ex deposito di San Paolo, furono sgomberati gli occupanti di una struttura, in via Severo, risalente ai primi anni del Novecento. "Dalla scorsa estate – informa Andrea Catarci, Presidente Municipio Roma XI – l’Atac ha avuto la brillante idea di metterla a disposizione dell’Ama e in via temporanea è stata adibita a zona di smistamento, igienizzazione e pulizia dei cassonetti.

Per gli abitanti della limitrofa Collina Volpi ciò ha comportato rumore in orari notturni, gas di scarico di mezzi pesanti ed insalubrità ambientale, con l’incremento periodico di cumuli di immondizia, topi e cattivi odori. Ma si può andare avanti così? Nei quattro mesi di occupazione, dopo oltre 10 anni di disuso, abbandono e degrado, si è avviata una reale discussione e si è concretamente provato a sperimentare un riutilizzo sociale. Con mostre e studi insieme alle facoltà di Architettura delle Università romane, con incontri ed assemblee insieme al tessuto associativo locale, con iniziative di recupero sulla storia e la memoria del luogo, con l’insediamento abitativo di un nucleo di persone in difficoltà, si è contrastato il piano di svendita di quella di San Paolo come delle altre ex rimesse.

Ora si è tornati indietro, con il presente fatto di cassonetti e il futuro, delineato nel chiuso di qualche stanza, all’insegna di una valorizzazione che punta solo al maggior profitto possibile.Il presente ed il futuro dell’ex rimessa, al contrario, sono una grande partita che deve coinvolgere la comunità locale e la città intera, mettendo al centro le esigenze del quartiere San Paolo e di un quadrante di Roma in termini di servizi e spazi, respingendo l’idea di una valorizzazione puramente economica e a vantaggio di pochi".


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti