Atac: I dirigenti scendono in stazione

Dal 10 settembre al 28 settembre 2012 i dirigenti saranno impegnati nel controllo del servizio.
di Maria Giovanna Tarullo - 10 Settembre 2012

Qual è il modo migliore per rendersi conto della situazione in cui si trova il trasporto pubblico nella Capitale, se non scendere direttamente nelle stazioni? Questa la soluzione pensata dall’amministratore delegato Atac Carlo Tosti che ha deciso di spedire gli oltre settanta dirigenti dell’azienda alle fermate della metropolitana e delle ferrovie con l’obiettivo di sondare il terreno verificando la regolarità del servizio, ascoltando utenti e dipendenti e controllando lo stato delle stazioni. 

Dal 10 settembre al 28 settembre 2012 i dirigenti abbandoneranno la loro poltrona per raggiungere le diverse stazioni delle linee A, B e B1 della metro e delle ferrovie Roma-Lido,Termini – Giardinetti e Roma Nord-Viterbo. Un’iniziativa che li vedrà impegnati dalle 5,30 alle 8,30, sabato e domenica esclusi, con l’obbligo di garantire sei turni mattutini nell’arco delle tre settimane. 

Ogni dirigente terminato il suo lavoro sarà chiamato a compilare due schede di valutazione. Nella prima saranno segnalati eventuali malfunzionamenti riscontrati: i dirigenti dovranno anche verificare se le segnalazioni degli operatori di stazione o dell’assistenza alla clientela siano state effettivamente recepite. Nella seconda scheda si scenderà più nel dettaglio: oltre alla descrizione dello stato complessivo delle stazioni e alle personali percezioni del dirigente, saranno raccontate le eventuali criticità rilevate.

Sotto esame in particolare le stazioni Termini (metro A e B), Bologna e Tiburtina (B), Sant’Agnese-Annibaliano, Libia e Conca d’Oro (B1), Flaminio (Roma-Viterbo), Porta San Paolo (Roma-Lido), oltre ai due capolinea della Termini-Giardinetti.

La decisione di attuare questo piano da parte dell’a.d. Atac prende vita dalla volontà di "avvicinare i piani alti di via Prenestina all’utenza e al trasporto pubblico vero e proprio". Un lavoro di estrema importanza quello che sarà svolto dai manager, come affermano dall’azienda di trasporti, pronto a costituire «un contributo prezioso per attuare quegli accorgimenti utili a migliorare gli standard di qualità del servizio».  

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti