Sport  

Atalanta Lazio 2-1. Due punti nelle ultime tre partite

di Davide Sperati - 21 Ottobre 2013

Non doveva perdere ma forse nemmeno vincere. Il pareggio era tutto sommato il risultato più giusto ma è pur vero che la Lazio è una squadra con poca personalità e con un tecnico che comincia a sbagliare un po’ troppo spesso.
Dopo un primo tempo terminato in svantaggio, la Lazio ha pareggiato con Perea prendendo poi le redini del gioco in mano. Ma la sorte ha voluto che, sull’unica disattenzione della ripresa subisse il goal del definitivo due a uno.
Onore a Petkovic per la sua voglia di vincere, ma schierare una squadra con tre punte di ruolo più Candreva è stato un azzardo.

La classifica ora non è un gran che e le prove incolori cominciano ad essere troppe. Non dimentichiamoci però mai di sottolineare l’assenza di 3/4 delle linea difensiva (Konko, Biava, Radu) che per qualsiasi squadra significherebbe guai seri.
A noi non resta che analizzare partita dopo partita, sperando che per i tifosi laziali arrivino giorni migliori. Ad oggi, dati alla mano, su ventiquattro punti a disposizione, averne soltanto undici è uno scialbo bottino, soprattutto per chi, come la Lazio nutre ambizioni europee.

Primo tempo
Biglia di nuovo titolare al centro del campo con Perea e Anderson a dar manforte a Floccari, preferito a Klose tornato disponibile. Partita equilibrata a centrocampo, con le difese che proteggono bene i loro portieri che non vengono mai chiamati in causa. Lazio che dopo il ventesimo minuto prende in mano le redini del match con la prima conclusione di Biglia che arriva al 26′.
Ma dopo la mezz’ora l’Atalanta colleziona diverse palle goal: la prima al 36′ quando un bel cross di Del Grosso al volo, pesca al centro Bonaventura che di prima calcia centrale con Marchetti che respinge a lato. Poi al 39′ Moralez con un tocco vellutato scavalca Marchetti ma Cavanda è bravo a salvare sulla linea, ma sugli sviluppi del calcio d’angolo arriva il goal di Cigarini grazie a una bomba da fuori che batte Marchetti esente da colpe.
Il primo tempo termina con l’ennesima scialba prova offerta dai romani, sopratutto per ciò che riguarda il reparto offensivo dove Floccari, Perea e Anderson non hanno combinato nulla di buono. Da evidenziare che, come nel derby, la Lazio subisce il goal dopo aver salvato in angolo. Al di la della statistica, la formazione di Petkovic è lenta e impreparata ogni qual volta che va in affanno.

Esultanza gol Perea LazioSecondo tempo
La ripresa inizia con l’innesto di Candreva al posto di un impalpabile Anderson e già dopo otto minuti si vedono i frutti grazie alla rete di Perea che trova il suo primo goal in seria A regalando un pareggio d’oro per la formazione capitolina. La Lazio ci crede e subito dopo con il profeta Hernanes sfiora il raddoppio, bravo Consigli a deviare in angolo. Col tempo la partita si calma ma la compagine ospite acquista sicurezza provandoci con maggior insistenza, come al 68′ con una tiro forte sempre di Hernanes che, col passar del tempo cresce d’intensità. Petkovic ci crede e al 70′ toglie Floccari per dar spazio e visibilità al diciannovenne Keita. Il tecnico di Sarajevo non pago, al 79′ fa entrare Klose togliendo un buon Hernanes schierando contemporaneamente tre punte di ruolo. Ma la sorte non è dalla parte della Lazio e su un fuorigioco sbagliato di Lulic Denis s’invola dinnanzi a Marchetti siglando la rete del due a uno che chiude i giochi.

LE PAGELLE DI ATALANTA LAZIO 2-1

Lazio
Marchetti 6,5. Oggi capitano. Incolpevole sui goal subiti.
Cavanda 6,5. 22 anni e sempre più sicuro. Provvidenziale quando salva sulla linea nel primo tempo. In ritardo però sul goal di Denis.
Cana 6,5. Spesso è lui a togliere le castagne dal fuoco.
Ciani 6. Molto lavoro per lui soprattutto nella prima frazione
Lulic 5,5. Bravo a salvare al 14′. Assist per Perea. Sbaglia il fuorigioco sul goal di Denis,
Biglia 6. Prova due volte il tiro di fuori ma senza fortuna.
Onazi 5,5. Spesso sbaglia degli appoggi facili.
Hernanes 6,5. Da lui ci si aspetta spesso il goal, ma oggi è stato autore di una buona prestazione. (Dal 78′ Klose sv).
Anderson 5. Qualche tocchetto di classe ma nulla più. (Dal 46′ Candreva 5. Esagera sempre coi dribbling, stucchevole).
Floccari 4,5. Non pervenuto. (Dal 68′ Keità sv).
Perea 6. Goal di rapina.

Atalanta
Consigli 6
Bellini 6,5
Stendardo 6
Lucchini 5,5. (Dal 56′ Yepes 6)
Del Grosso 6
Raimondi 5,5
Cigarini 6,5
Carmona 6
Bonaventura 5,5 (Dal 63′ Brienza 6)
Moralez 5,5 (Dal 81′ Baselli sv)
Denis 6,5

Arbitro
Russo 7. Potevano starci le ammonizioni a Hernanes al primo minuto, quella a Lulic al 11′ e di Raimondi al 15′ per un fallo su Lulic. Forse esagerato il giallo a Biglia al 21′. Nella ripresa non sbaglia nulla.

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti