Attivo a Roma il numero verde 800.97.44.66 contro l’abbandono degli animali

Visconti: un contact center per dare informazioni su tutto ciò che riguarda il mondo animale
di Patrizia Miracco - 9 Luglio 2011

Venerdì 8 luglio è stata presentata in Campidoglio dall’assessore all’Ambiente, Marco Visconti, la campagna contro l’abbandono degli animali.

“Si tratta di un’iniziativa importante a cui tengo molto” ha dichiarato in una nota Visconti. “La campagna di sensibilizzazione – prosegue l’assessore all’Ambiente – prevede un contact center appositamente dedicato (da oggi è attivo il numero verde 800.97.44.66) per dare informazioni a 360° su tutto ciò che riguarda il mondo degli animali. Il contact center si avvale di personale specializzato, formato da Codici, ed è uno strumento fondamentale per segnalare i cani randagi che vagano sulle strade.
Gli operatori hanno il compito di dare le informazioni richieste in tempo reale attivando le Forze dell`Ordine, le Guardie Zoofile, il Corpo Forestale e la Protezione Civile per gli interventi necessari. Su tutto il territorio cittadino, inoltre, saranno affissi più di 2.500 manifesti, a ciò si andranno ad aggiungere 400 affissioni sugli indicatori di parcheggio e 100 retrobus. Verranno trasmessi anche spot radiofonici su 7 emittenti locali e ci sarà un banner sul sito di Roma Capitale. L’obiettivo è chiaro: sensibilizzare i cittadini e contrastare questo deplorevole fenomeno, punibile penalmente, che vede coinvolti migliaia di animali domestici. A Roma sono circa 2.000 i cani di proprietà che ogni anno vengono abbandonati”.

promossa e realizzata dall’assessorato all’Ambiente con la collaborazione dell’associazione Codici.
La campagna contro l’abbandono degli animali è stata promossa e realizzata dall’assessorato all’Ambiente con la collaborazione dell’associazione Codici.
Il servizio di contact center è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Il sabato e la domenica sarà in funzione un servizio di risposta automatica.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti