Attraversamenti pedonali pericolosi in viale Franceschini

Le associazioni chiedono solleciti interventi 
Antonio Barcella - 27 Gennaio 2020

Le Associazioni Vivere a Colli Aniene, l’Anfiteatro, Associazione Italiana Casa Ufficio Soci, Il Foro hanno inviato una lettera all’assessore alle Politiche del Verde di Roma Capitale Dr.ssa Laura Fiorini per chiedere la messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali di viale Franceschini e di fornire a quelle aree una illuminazione decente.

E’ stato fatto presente che i tre varchi pedonali (all’altezza dei numeri civici 9 e 66), percorrono tre aree verdi in carico al Dipartimento Tutela Ambientale, sono ridotti in condizioni pessime e costituiscono un grave pericolo per chi è costretto ad attraversarli soprattutto con il buio e in condizioni climatiche avverse.

Il mattonato di questi percorsi e la superficie asfaltata presente in alcuni punti sono in forte degrado per via delle radici delle piante e per l’usura del tempo ed hanno già provocato pericolose cadute dei passanti che in alcuni casi hanno richiesto l’intervento medico e qualche volta quello ospedaliero.

Per di più, i passaggi delle aree “A” e “B” (vedi immagine) sono attualmente male illuminati per via di un impianto elettrico a batteria solare realizzato in maniera volontaria dal CDQ Cittadini di Colli Aniene Bene Comune, che garantisce una scarsa illuminazione e solo per la durata di un paio d’ore durante la notte mentre il passaggio “C” è completamente privo di illuminazione.

E’ stato fatto presente all’assessorato che i cittadini di questo territorio si curano da soli gran parte del verde pubblico e, se viene chiesto l’intervento del Comune, è solo perché non ci sono le risorse per farlo in autonomia.

Crediamo che, dopo l’esperienza della cabina elettrica di via Efisio Orano portata in superficie e il continuo monitoraggio dei collettori fognari da parte di ACEA, la collaborazione tra cittadini e l’amministrazione locale possa ripetere la positiva collaborazione.

 

Antonio Barcella


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti