Auto e moto abbandonate, partito il servizio di rimozione

Verifichiamo se funziona davvero
Antonio Barcella - 8 novembre 2018

Lo scheletro di un camper da due anni fa bella mostra di sé accanto al parco Tozzetti a Colli Aniene.
Attraversando le strade della città è facile imbattersi in veicoli vandalizzati ed abbandonati come questo. Sembra però che finalmente l’amministrazione capitolina si sia mossa per risolvere queste situazioni.

Da qualche giorno è stato riattivato il servizio di rimozione delle carcasse di automobili che deturpano la città. Ma a quanto pare non bastano le numerose segnalazioni già inviate dai cittadini e neppure i facili rilevamenti che la polizia locale può certamente fare da sola. Occorre procedere ad una nuova segnalazione e a volte non basta neanche questa, come hanno dichiarato alcuni cittadini sui gruppi dei social network.
Non vorremmo che questa fosse la solita politica fatta di annunci dove dietro c’è il solito “nulla”. Ma vogliamo provarci ancora una volta, un piccolo gesto di civiltà che ci permetterà di verificare il funzionamento di questo servizio.

Questa mattina ci siamo collegati al sistema SUS di Roma Capitale e abbiamo segnalato lo scheletro del veicolo che da due anni giace accanto all’area verde di via Tito Oro Nobili (segnalazione numero 56589-2018).
Tutti noi nei prossimi giorni potremo osservare i risultati di questa iniziativa e renderci conto se il “nulla” si è fermato o continuerà a procedere come nel famoso film “La storia infinita”. Se questa procedura funzionerà ne daremo notizia in modo che altre situazioni simili si possano risolvere al più presto perché questi veicoli abbandonati aumentano il degrado della città.

Per chi vuole saperne di più, pubblichiamo la procedura di rimozione per un veicolo abbandonato pubblicata da Roma Capitale.

Descrizione del servizio

La Polizia Locale interviene sulle segnalazioni di auto in presunto stato di abbandono sulle aree pubbliche nel territorio comunale
Chi può avanzare la richiesta
Chiunque può segnalare un veicolo abbandonato.

Modalità di segnalazione

• Dopo aver effettuato l’autenticazione al Portale del Comune di Roma si può inviare una segnalazione utilizzando la nuova piattaforma dedicata – SUS “Sistema Unico di Segnalazione”.
• Inviando una mail al Comando generale del Corpo o al Gruppo competente per territorio, ai rispettivi indirizzi di posta elettronica indicati nelle pagine web del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale sul portale di Roma Capitale (www.comune.roma.it) alla voce “contatti” oppure telefonando allo 06.67691 o direttamente al Gruppo stesso.

Procedimento

Per considerarsi abbandonato su area pubblica un veicolo, secondo quanto previsto dal Decreto Ministeriale 460/99, deve:
• mancare di parti essenziali
• essere in uno stato di degrado
• essere privo di elementi identificativi

A seguito dell’accertamento la polizia locale verifica se il mezzo presenti elementi identificativi che consentano di risalire al proprietario o se risulti rubato.
In assenza di elementi identificativi il personale operante verbalizza lo stato di abbandono e chiede alla Demolizioni Industriali, società che svolge il servizio di rimozione dei veicoli abbandonati per conto dell’amministrazione capitolina, il conferimento del mezzo al centro di raccolta.
Se, invece, il veicolo presenta elementi identificativi si notifica al proprietario la richiesta di rimozione del veicolo in presunto stato di abbandono. Con la richiesta il proprietario viene informato che deve rimuovere il mezzo dalla strada entro i successivi 5 giorni, decorsi i quali il veicolo sarà convogliato presso il centro di raccolta e tenuto a sua disposizioni per altri 60 giorni, dopodiché il mezzo sarà radiato e demolito e a suo carico verrà redatto un verbale di accertamento di violazione per illecito abbandono del mezzo.

La durata della procedura di notifica del presunto stato di abbandono può, tuttavia, essere molto variabile e dilatata nel tempo per la difficoltà di reperimento del proprietario: irreperibilità, residenza all’estero, ricoveri ospedalieri prolungati nel tempo, stranieri rientrati nel loro paese di origine o impossibilità di notifica per decesso e assenza di eredi rintracciabili.

E’ opportuno ricordare che la suddetta procedura di notifica è prevista dalle norme vigenti a tutela del cittadino, affinché siano rimossi solo i veicoli realmente abbandonati e non quelli in presunto stato di abbandono.

Antonio Barcella 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti