Bilancio Poste – Proposta alle ortiche – …Ma gli avanzi – Tecnici casinisti

Fatti e misfatti di aprile 2012 di Mario Relandini
Enzo Luciani - 20 Aprile 2012

Bilancio Poste

"Poste italiane – ha fatto sapere con orgoglio l’amministratore delegato, Massimo Sarmi – ha chiuso il bilancio 2011 con utile netto di 846 milioni".

Bravo. Ma sarebbe giusto che qualche unione dei consumatori, a questo punto, facesse sapere con quante ore inutili nette, davanti ai pochi sportelli aperti o ai computer troppo spesso in "tilt", si è chiuso il bilancio 2011 degli utenti di Poste italiane.

Proposta alle ortiche

"La proposta di legge sui soldi ai partiti presentata da Alfano, Bersani e Casini – hanno obiettato i funzionari tecnici di Montecitorio – non solo non reca alcuna disposizione sulla sospensione dei rimborsi a chi non abbia presentato alcun rendiconto, ma è difficilmente realizzabile senza una riforma preventiva dell’articolo 49 della Costituzione".

Tana per Alfano, Bersani e Casini. I quali, ora, dovranno correggere gli errori segnati con la matita blu sulla loro proposta di legge con tanto clamore annunciata. Li correggeranno, certo, ma intanto si continuerà con il vantaggioso quanto vergognoso andazzo. Fino a quando? Fino a quando lo vorrà il vorace dio della malapolitica.

…Ma gli avanzi

"I cento milioni di luglio vanno incassati tutti senza esitare – ha insistito il tesoriere del Pd Ugo Sposetti – perché bisogna attrezzarsi per la campagna elettorale del 2013".

Adotta Abitare A

Domanda: ma non potrebbero essere sufficienti, di quei 503 milioni e più incassati dai partiti per le elezioni dell’aprile 2008, i 393 milioni circa avanzati dopo una spesa effettiva di 110 milioni e poco più? A Ugo Sposetti – ma anche allo Sposetti del Pdl – l’ardua risposta.

Tecnici casinisti

"Nel mio nuovo "Partito della Nazione – ha confidato Pierferdinando Casini, da oggi non più segretario dell’Udc, ai microfoni di "Otto e mezzo" – entreranno a far parte anche alcuni ministri dell’attuale Governo Monti".

Ma il Governo Monti non avrebbe dovuto essere un Governo strettamente tecnico senza alcuna configurazione politica? Così è stato detto. Ma, se alcuni ministri del Governo Monti sono già in lista per entrare nel nuovo "Partito della Nazione" di Pierferdinando Casini, dov’è più la loro configurazione di ministri tecnici e dov’è più, di conseguenza, la configurazione tecnica del Governo Monti? Quello che è stato detto, allora, è stata soltanto una "bufala". Grazie.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti