Blitz antidroga nella capitale

Oltre 20 kg di stupefacenti sottratti al mercato della droga
Enzo Luciani - 15 Luglio 2011

Una serie di blitz notturni in contemporanea in 3 diverse zone della città hanno condotto a 6 arresti ed al sequestro di oltre 20 kg di diversi tipi di stupefacenti destinati al mercato dello spaccio.

La prima operazione è scattata questa mattina in via Cornelia intorno alle ore 2,30 quando un equipaggio del Reparto Volanti della Questura, ha fermato per un controllo un giovane di appena 20 anni e lo ha trovato in possesso di circa 2 kg di sostanza stupefacente.Le prime dosi sono state trovate addosso al 20enne. Da lì gli uomini delle Volanti hanno fatto scattare la perquisizione a casa. All’interno della stanza da letto, dentro l’armadio dove erano custoditi i vestiti, gli agenti hanno recuperato quattro scatole contenenti 1625 grammi di hashish, 569 grammi di marijuana, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento, 2 cellulari e un libro in cui erano riportati nomi e cifre riconducibili all’attività di spaccio. Condotto in Ufficio, il giovane è stato arrestato per il reato di detenzione di spaccio di droga.

Contemporaneamente, in via Borghesiana, nella zona del Casilino, sempre gli agenti del Reparto Volanti, hanno fermato un uomo a bordo di una macchina, che, alla vista della Polizia, ha fermato l’auto cercando di non farsi notare.Questo particolare ha però insospettito i poliziotti che hanno deciso di controllare il conducente. Dopo aver esibito una carta di identità ai poliziotti, il giovane è stato identificato per M.M., cittadino del Gana di 27 anni. Durante il controllo, sul sedile posteriore dell’auto, gli investigatori hanno trovato una bustina contenente sostanza stupefacente (eroina), un bilancino di precisione e una busta con 8920 euro all’interno. Lo straniero, che non ha voluto fornire indicazioni circa la sua abitazione, è stato arrestato e condotto in Commissariato, dove gli agenti, dopo aver approfondito l’accertamento, hanno individuato in un appartamento di via di Rocca Lumera, la dimora di M.M.Rifiutandosi di collaborare, l’arrestato non ha voluto consegnare agli agenti le chiavi dell’appartamento, motivo per il quale, una volta giunti nella casa da perquisire, gli investigatori hanno fatto intervenire i VV.FF. per aprire la porta. Mentre erano in attesa dei pompieri, un altro uomo tentava di calarsi da una delle finestre dell’abitazione, ma notando che tutte le vie di fuga erano presidiate dagli uomini in divisa, è rientrato.Approfittando della finestra aperta i poliziotti si sono introdotti nell’appartamento sorprendendo 2 persone di colore. Il primo era nascosto sotto il letto, mentre il secondo si trovava nel bagno cercando di disfarsi di alcune dosi di eroina.Perquisiti, i due stranieri sono stati trovati in possesso di alcuni grammi di polvere bianca dello stesso tipo di quella trovata nell’auto fermata in via della Borghesiana. Molte altre dosi sono state invece recuperate in vari punti dell’appartamento.Al termine degli accertamenti gli investigatori hanno sequestrato in tutto 2700 grammi di eroina.I tre stranieri, tutti cittadini del Gana, rispettivamente di 27, 31 e 28 anni, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio in concorso.

Nella zona di San Basilio, invece, con il supporto delle unità cinofile, sono stati arrestati un uomo e una donna, entrambi romani e pregiudicati, trovati in possesso di oltre 16 kg di hashish.Lo stupefacente, custodito in una valigetta all’interno di un surgelatore, è stato recuperato grazie all’intuito di un cane poliziotto antidroga.Gli agenti, durante un’ operazione di Polizia in via Maiolati, che ha portato alla denuncia di due persone per il possesso di alcune piante di marijuana, hanno notato un uomo che uscito dall’appartamento accanto a quello dei denunciati, alla vista dei poliziotti è tornato indietro rientrando in casa.I sospetti degli investigatori, avvalorati dall’intuito del cane antidroga, che continuava ad abbaiare in direzione della porta dell’interno 2, da dove era stato visto uscire l’uomo, ha convinto gli operatori ad approfondire l’accertamento. Suonato il campanello gli agenti si sono fatti aprire. Fidandosi dell’intuito del cane che continuava ad abbaiare, i poliziotti del Commissariato San Basilio, diretti dal dr. Adriano Lauro, hanno proceduto al controllo dell’immobile rinvenendo 16 kg di hashish, trovati in una valigetta 24 ore nascosta all’interno di un surgelatore in cucina.Anche in questo caso per i due, P.P. e A.M., sono scattate le manette. Condotti in Ufficio, al termine delle operazioni, per i due grossisti si sono aperte le porte del carcere in attesa di essere giudicati.I controlli su strada, che proseguono senza sosta, vengono orientati verso gli ambienti dello spaccio anche legato a noti pregiudicati, sulla base di un attività di analisi affidata alla Divisione anticrimine, che si affianca alla investigazione di elevato profilo della Squadra Mobile.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti