Bologna – Lazio 0-0: per i biancocelesti un punto che fa classifica

Nel gelo di Bologna una Lazio apatica chenon va oltre lo 0-0
di Davide Sperati - 11 Dicembre 2012

Poteva fare di più ed i motivi possono essere i più svariati: le numerose assenze, la non forma di chi giocava, l’avversario in cerca di punti salvezza. Per come si è messo il match la Lazio ha rischiato anche di perdere ma il Bologna ha mostrato dei grandi limite in fase conclusiva.

Eppure nel primo tempo, pur non giocando brillantemente, la formazione romana mostrava maggior piglio offensivo rendendosi particolarmente pericolosa in due occasioni: la prima al 24′ con Candreva, il suo diagonale sinistro da dentro l’area, veniva deviato in angolo da Agliardi. La seconda, invece, nel finale quando la palla è capiatata sui piedi di Biava che, cercava la deviazione sotto rete ben servito da Ciani. Bravo ancora il portiere rossoblu a deviare coi piedi.

La Lazio, dopo l’intervallo, entra con sei minuti di ritardo, chissà perché. Nel frattempo si spengono anche una parte dei riflettori dello stadio Renato dall’Ara però senza compromettere la praticabilità del gioco. Quel gioco che però mancherà alla squadra di Petkovic per tutta la ripresa, rischiando più volte di soccombere dinnanzi alle diverse palle goal ricevute dai bolognesi. Pioli si è dimostrato ancora una volta un abile tecnico e nonostante il gap tra le due formazioni, ha rischiato anche di aggiudicarsi tutta la posta in palio.

Il Bologna già al 50′ con Taider si è reso pericoloso ben servito da Gilardino. L’atleta rossoblu tirava a botta sicura ma provvidenziale l’intervento di Radu nel respingere la palla, salvando Marchetti. Poi è la volta di Guarente al 59′, sfera di poco fuori. Al 62′ la Lazio risponde con Radu che prova a rifare lo stesso goal fatto a Maribor ma Agliardi para facilmente.

Il Bologna ci crede e al 63′ confeziona forse la più ghiotta palla goal del match: Taider dalla Tevere crossa basso una parabola pericolosa che attraversa tutta l’area, ma Gilardino non aggancia per un soffio. Poi è la Lazio che ritorna in gara ma senza creare nulla di che, giusto venti minuti di equilibrio tattico. Kozak già orfano di una punta d’appoggio (Floccari infortunatosi ieri, oltre ai lungodegenti Rocchi e Zarate), e non supportato dagli inserimenti di Candreva e Mauri, non combina niente. Tra l’altro si fa anche espellere al 85′ come un pivello per due falli sciocchi. Da annotare a dieci minuti dalla fine anche un gesto non carino da parte degli atleti bolognesi, che al 78′ non fermavano il gioco nonostante Mauri fosse a terra da diversi secondi. Ultimo sussulto dell’incontro, la botta forte di Pasquato – entrato al posto di Krhin, che Marchetti devia in angolo. Lazio svogliata, Bologna più attivo.

LE PAGELLE DI BOLOGNA LAZIO 0-0
Lazio
Marchetti 6,5. Impegnato soprattutto nella ripresa.
Cavanda 6,5. Ammonito al 30′ salterà la sfida contro l’Inter. Peccato.
Ciani 7. Molto sicuro nelle chiusure.
Biava 6,5. Oltre a tenere a bada Gilardino, sfiora anche i goal.
Radu 6,5. Sempre una garanzia.
Ledesma 5. Diverse palle perse in tutto l’arco della gara. In quel ruolo bisogna intervenire.
Gonzalez 6. Tanta interdizione. (Dal 67′ Lulic 5. Petkovic cercava qualche sgroppata che però non è arrivata).
Candreva 5,5. Troppo isolato sulla fascia. Spesso impreciso. (Dal 77′ Klose 6)
Hernanes 5,5. Scivola sul ghiaccio di Bologna.
Mauri 5. Niente ispirazioni, d’altronde non c’è nessuno da servire. (Dal 92′ Onazi sv)
Kozak 4,5. Troppo solo lì davanti. Espulso nel finale per un fallo evitabile.

Bologna
Agliardi 6,5
Motta 6,5
Antonssson 6
Sorenssen 5,5
Cherubin 6,5
Krhin 6 (Dal 87′ Pasquato 6)
Perez 5 (Dal 47′ Guarente 6)
Taider 5,5
Diamanti 6,5
Kone 6 (Dal 79′ Morleo 5,5)
Gilardino 6

Arbitro
Damato di Barletta 5,5


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti