Bonifica discarica via Mastrigli

De Lillo: "intervento storico atteso dai residenti del quartiere"
Enzo Luciani - 21 Luglio 2010

“Quello di questa mattina è un intervento storico atteso, da anni, dai residenti del quartiere". E’ quanto dichiara in una nota Fabio de Lillo, Assessore all’Ambiente del Comune di Roma. "La vicenda legata alla discarica di via Mastrigli -spiega De Lillo – va avanti da un’eternità. Si tratta di una questione molto complessa che siamo riusciti a sbloccare grazie al grande lavoro svolto in questi mesi. Fin dall’inizio del mio mandato ho fatto numerosi sopralluoghi in via Mastrigli attivando gli uffici competenti al fine di avere un quadro completo dell’entità dell’intervento da effettuare. L’Amministrazione Comunale si trovava nell’impossibilità di intervenire poiché la magistratura nel 2007 aveva posto sotto sequestro l’area a seguito di un intervento di bonifica nel quale erano stata riscontrati strati di rifiuti nascosti sotto al cemento. Lunedì scorso l’area è stata temporaneamente dissequestrata e tutto ciò ci ha consentito di iniziare questo complesso intervento che terminerà ad ottobre e vedrà impegnati numerosi operatori. Il costo dell’operazione si aggira intorno 400 mila euro”. 

L’Ama – fa sapere attraverso il suo ufficio stampa – di aver “costruito” una strada di accesso al luogo, a partire dalla caserma della Marina Militare di via Taormina, per permettere il transito di mezzi pesanti. Entro oggi, sarà recintata l’area per dare inizio ai lavori di bonifica. Per prima cosa, si procederà allo scavo del parcheggio, un piano rialzato di circa 5 metri su una “montagna” di rifiuti. Una volta messo in sicurezza il sito, 5 operatori dell’Unità Bonifiche Ama, con l’ausilio di un escavatore da 60 quintali e di furgoncini per il trasporto dei rifiuti, saranno quotidianamente in azione per rimuovere l’ingente quantitativo di rifiuti (stimati in 3 mila metri cubi di materiali vari). Per completare la bonifica del luogo, saranno necessari 60 giorni circa di lavoro. 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti