Buon compleanno Renata!

Redazione - 25 Dicembre 2018

Il 28 dicembre Renata Pallotti compie 91 anni. Renata é stata una militante e dirigente del Partito Comunista, dell’Unione Donne italiane, del Sindacato Pensionati Italiani e dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.
Centocelle l’ha vista in prima fila in tutte le lotte democratiche del secondo dopoguerra.

Veloci! Via, via! Avanti, veloci!

Questi sono tempi in cui si va veloci. Tutti corrono di qua e di là. Tutto corre, anzi sfreccia. I treni sono ad alta velocità, le automobili sono sempre più scattanti, i computer devono essere più performanti, i film o le fictions devono essere incalzanti, il mangiare è fast. E via discorrendo.

Insomma questo è il mondo di chi corre. Un drammatico sfasamento con una collettività che si invecchia, sempre più. Tutto deve essere scattante e così quelli che non si muovono, che sono fermi, che sono immobilizzati non hanno spazio. Anzi scompaiono, escono dalla scena. E nella società dell’immagine chi non si vede non esiste.
Eppure Renata esiste, eccome se esiste. Il 28 dicembre Renata compie 91 anni e in ognuno di questi anni Renata ha lottato ed ha guardato avanti.
Renata Pallotti è una delle persone più generose che ho conosciuto a Centocelle. Una meravigliosa donna, una nobile combattente.

Renata ha lottato, ancora giovanissima, contro le distruzioni e la disperazione della guerra.
Ha lottato per gli ideali di giustizia e libertà in un dopoguerra durissimo. Si è battuta per i diritti e l’autodeterminazione delle donne. Ha lottato perché l’istruzione e i servizi arrivassero anche in periferia per rispondere ai bisogni dei più deboli. Ha combattuto contro il mostro delle droghe che le distruggevano la cosa più bella della sua vita. Ha lottato perché chi ha i capelli grigi venga rispettato. Ha battagliato contro le malattie che tanti colpi hanno inferto al suo corpo.

Renata ha sempre lottato ed ha sempre guardato avanti. Mai un rimpianto, un piangersi addosso, una recriminazione. Decenni di battaglie, tante vittorie e pure tante sconfitte.
Non è stata risparmiata da batoste terribili come quelle che le hanno portato via i suoi amori.

Renata ha sempre lottato per sé e per gli altri. Insieme, perché la lotta se non è insieme non ha ragione di essere.
Insomma una donna di Centocelle che ha lasciato segni vigorosi con il suo percorso di vita. Una donna che in tanti hanno avuto la fortuna di incontrare e che tanti ha segnato col suo esempio.

Renata, ormai da molti mesi, è bloccata su un letto e su una sedia a rotelle, è ferma, immobile. Ma Renata esiste, come se esiste!
Il 28 dicembre prossimo le sue amiche e i suoi amici interromperanno il loro frenetico circo quotidiano e si fermeranno con Lei, per festeggiare il suo compleanno e per mangiare insieme una bella fetta di panettone! Perché a Renata il panettone piace, piace molto: quello con l’uvetta e i canditi, naturalmente! Grazie e Auguri Renata!

Luciano Baldini


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti