“Calcio Senza Frontiere” – Triangolare Italia- Etiopia-Ruanda

Domenica 1 dicembre ore 14.00 allo Stadio “G. Castelli”, Via F. De Andreis, 29/31
Redazione - 26 Novembre 2019

La discriminazione nasce dalla non conoscenza, dalla paura del diverso. Per questo motivo, in un territorio multietnico come quello del Municipio Roma V, l’Assessorato alle Politiche Sportive, insieme alle Commissioni Scuola, Cultura e Sport e Pari Opportunità  del V Municipio di Roma Capitale hanno organizzato l’evento CALCIO SENZA FRONTIERE per creare punti di incontro e confronto, di scambio e di conoscenza reciproca con le culture africane, in particolare etiopi e ruandesi, al fine di produrre nel tempo dei reali cambiamenti nella coesistenza di culture diverse.

Domenica 1 Dicembre alle 14.00 presso lo Stadio “Giorgio Castelli”, via F. De Andreis 29/31 ci sarà il calcio d’inizio del triangolare che vedrà impegnate squadre amatoriali che rappresenteranno l’Italia, l’Etiopia ed il Ruanda. Ad accogliere le squadre sarà la Pro Calcio Tor Sapienza, recentemente approdata in serie D, che gestisce l’impianto sportivo di Roma Capitale, fiore all’occhiello del calcio del Municipio Roma V. A conclusione dell’incontro calcistico si terrà un momento conviviale enogastronomico, con pietanze delle diverse tradizioni culinarie e con la cerimonia del caffè tipica della tradizione etiope.

“Abbiamo scelto il calcio, in quanto per eccellenza lo sport nazional popolare da utilizzare come strumento per superare le barriere in ragione del suo linguaggio non verbale, della semplicità del gioco e della passione che riesce a suscitare in popoli di culture diverse, così come l’Italia, l’Etiopia ed il Ruanda. In un momento storico caratterizzato dalla paura del “diverso”, complice la crisi economica, ci troviamo purtroppo troppo spesso dinanzi a fenomeni di razzismo. Lo sport, anche solo una partita di calcio può unire e può far conoscere le differenti tradizioni culturali, che sono tutte manifestazioni dell’umano”. Così l’Assessore alle Politiche Culturali, Sportive e Giovanili del Municipio V di Roma Capitale Maria Teresa Brunetti

“Crediamo in uno sport che veicoli valori sani e aggreganti. Solo così l’attività atletica diventa uno strumento culturale indispensabile alla costruzione di una società più intelligente, pacifica e inclusiva per tutti”. Così il Presidente della Commissione Scuola, Cultura e Sport Alessandro Stirpe

“Continuiamo a investire sull’educazione e sulla sensibilizzazione a partire dalle più giovani generazioni si può arrivare a sensibilizzare gli adulti”. Così la Vicepresidente della Commissione Scuola, Cultura e Sport Monia Maria Medaglia

“E’ una significativa occasione per il nostro territorio, per far emergere nello sport i temi legati all’immigrazione, all’integrazione ed all’inclusione sociale, più in generale i temi delle pari opportunità”. Così la Presidente della Commissione Pari Opportunità, Jenny Erika Yepez


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti