Caldo, vademecum per gli animali

Enzo Luciani - 20 Giugno 2012

Le temperature afose di questi giorni mettono a dura prova sia i cittadini che i loro amici a quattro zampe. “I cani – spiega la consigliera del PD Capitolino Monica Cirinnà membro della commissione Ambiente del Comune di Roma – hanno un sistema di traspirazione legato esclusivamente alla lingua quindi “sudano” solo con la bocca, sarà bene quindi, evitare di farli uscire nelle ore più calde, meglio, preferire le passeggiate la mattina presto o nel tardo pomeriggio.

Per nessun motivo i cani vanno lasciati sui terrazzi assolati o peggio nelle auto. Per quanto riguarda i gatti animali più autonomi, basterà lasciare loro la possibilità di trovare qualche angolo fresco in casa con po’ di corrente d’aria. Ovvio, ma è meglio ricordare di non lasciare sui balconi al sole gabbie di piccoli uccelli, che troveranno riparo e refrigerio in casa. Anche per loro valgono le regole che applichiamo a noi stessi: lasciare sempre un po’ di acqua fresca e alleggerire i pasti.

Nella nostra città non sempre è facile per gli animali che vivono in libertà reperire dell’acqua, certamente la risorsa più utile in queste giornate di calura, chiedo quindi a tutti di mettere su terrazzi e davanzali ciotole d’acqua e ai commercianti di posizionarle di fronte ai marciapiedi dei loro negozi: la mattina presto e nel tardo pomeriggio, sarà una piacevole sorpresa per tutti vedere quanti piccoli uccelli potranno abbeverarsi o fare un bagnetto e quanti gatti o altri piccoli animali di passaggio vi troveranno un po’ di refrigerio.”
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti