Laboratorio Analisi Lepetit

Cambiata di nuovo la segnaletica in via Prenestina Vecchia

Circostanziata denuncia del Consigliere municipale (Pdl) Alfonso Rossetti sulla "pista ciclopedonale"
di Alessandro Moriconi - 16 Dicembre 2009

Durante la seduta di consiglio del 15 dicembre 2009. il consigliere Alfonso Rossetti (Pdl) ha inserito nel suo intervento riguardante l’arredo a verde della rotatoria di piazza De Cupis, l’ennesima denuncia riguardante la pista ciclabile sulla Prenestina Vecchia e le continue e cervellotiche modifiche sulla segnaletica, l’ultima delle quali, avvenuta da non più di 48 ore.

Più volte abbiamo segnalato la forzatura progettuale della pista ciclabile ed oggi grazie al consigliere Rossetti possiamo fornire ai nostri lettori ulteriori dati che evidenziano l’incapacità dei tecnici progettisti e di quelli addetti alla direzione dei lavori.

Centoventiseimilaeuro dei fondi Europei letteralmente gettati "sui marciapiedi", per un’opera che è stata declassata da pista ciclabile a "pista Ciclopedonale" in quanto il 90% del suo percorso è stato realizzato su stretti marciapiedi, che a tratti costringeranno i ciclisti (se mai ci passeranno) a delle vere e proprie gimcane tra pedoni ed ignari inquilini (via dei Larici) in uscita dalle proprie abitazioni, ci auguriamo senza scontri.

Rossetti si è anche soffermato sui parapedonali dapprima installati al centro della Prenestina Vecchia e poi ritolti dopo solo pochi giorni (con danni all’asfalto) e sui continui cambi nella segnaletica verticale e orizzontale riguardante la sosta, prevista in un primo momento su un lato soltanto, poi a tratti vietata su entrambi i lati, per ritornare infine possibile ( sulla strada oltre al Centro Don Bosco c’è una frequentatissima piscina e un asilo nido).

Dell’ingarbugliata vicenda se ne è interessata anche la Commissione  Trasparenza che, dopo aver raccolto tutta la documentazione tecnica, predisporrà una relazione che sarà portata a conoscenza del Consiglio e, se lo riterrà opportuno (come ha gia’ fatto per il teatro Tenda) anche del Sindaco e alla Corte dei Conti.

E’ stata apposta anche la segnaletica orizzontale che delimita l’area di parcheggio a raso, lasciando le aperture ai due autolavaggi recentemente entrati in funzione sulla via Prenestina. Aperture che, vista l’assenza di cartelli autorizzativi per l’utilizzo del passo carrabile realizzato, dovrebbero appartenere a quella categoria di abusi tollerati da tecnici, vigili e politici del VII municipio.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti