In Campidoglio clima avvelenato, nuovo cambio al vertice Atac e Mazzillo lascia deleghe alla Casa e al Patrimonio

Redazione - 1 Agosto 2017

All’Atac dopo Bruno Rota, è saltato anche Manuel Fantasia. E ora toccherà a Paolo Simioni, uomo di fiducia dell’assessore alle Partecipate, Massimo Colomban – e già a capo del suo gruppo di lavoro – provare a salvare l’Azienda Trasporti dal naufragio contabile.

Dopo il caos degli ultimi giorni, Virginia Raggi ha deciso di cambiare la governance dell’azienda capitolina dei trasporti, scegliendo l’uomo che in questi ultimi mesi ha lavorato a capo del Gruppo di lavoro sulle riorganizzazione delle Partecipate romane, una sorta di organo intermedio fra la Giunta e le principali società del Campidoglio.

Simioni, in questi mesi, ha lavorato e dato vita al piano parzialmente presentato in primavera da Colomban e che verrà ufficializzato alla fine dell’estate, prima della già annunciata uscita di scena dell’imprenditore veneto.

 

Meleo, ora risaniamo azienda per portarla presto a normalità

“Il Cda ha compito di risanare azienda, di rilanciarla, di mantenerla pubblica, di tutelare le persone che lavorano tutti i giorni e che colgo l’occasione di ringraziare”. Lo ha detto l’assessore ai trasporti Linda Meleo.

“Obiettivo è fare il prima possibile per riportare l’Atac alla normalità. Chi si occupa di impresa sa che non si risana in quattro mesi, serve del tempo e interventi specifici. Se si riuscirà entro il nostro mandato? Io me lo auguro”. “La situazione contabile di Atac negli anni è rimasta immutata – ha aggiunto – c’è un problema di flusso finanziario, è questo il vero problema, il Cda si occuperà anche di questo e poi proporrà al Comune delle soluzioni”. Quanto all’ipotesi di possibili tagli all’organico la Meleo replica: “Io parlerei più di miglior uso del personale, questo poi ci consentirà di far la differenza, far più chilometri, da questi avere più entrate, tagliare gli sprechi. Poi, è chiaro, per chi non lavora per l’azienda, dalla base alla dirigenza, si apriranno altri fronti”

 

Atac, Figliomeni (Fdi): “a Roma è caos trasporti”

“E’ da tempo che stiamo denunciando le numerose problematiche che affliggono la mobilità di Roma, tra disservizi e incapacità manifesta a gestire l’Atac, e senza essere profeti si è avverato quanto avevamo previsto sull’azienda capitolina, con un buco economico da far tremare i polsi. Ieri con un colpo di mano è stata azzerata la governance di Atac, ed istituito un nuovo cda a tre e una nuova presidenza, una scelta come al solito piovuta dall’alto, che vede il sindaco Raggi utilizzato come una marionetta dall’asse Casaleggio-Grillo. Certo non rimpiangiamo il vecchio vertice rappresentato da Manuel Fantasia, ma contestiamo il modo utilizzato che porta avanti il consueto poltronificio, tanto demonizzato dal M5s…ma soltanto a parole perché i fatti dicono altro. Aspettiamo alla prova il nuovo presidente e a.d. Paolo Simoni, mentre Roma sprofonda nel caos”. Lo dichiara Francesco Figliomeni, consigliere capitolino di Fratelli d’Italia.

 

Atac: Indagine conoscitiva della Camera. Meta, per avere tutti gli elementi utili per valutare

“Abbiamo deciso di svolgere rapidamente alla ripresa di settembre una indagine conoscitiva che in qualche settimana ci dia un quadro complessivo della situazione in cui versa l’Atac”. Lo spiega Michele Meta, Presidente della commissione Trasporti della Camera dei Deputati dopo la decisione maturata oggi in Ufficio di Presidenza. “Sentiremo i diversi soggetti, i vertici della azienda, la Regione e perché no anche il governo e le rappresentanze dei cittadini. Credo che sia utile che il Parlamento intervenga per capire: non è possibile che il dibattito si sviluppi solo sui media. Vogliamo fotografare la situazione per avere tutti gli elementi utili affinché il Parlamento dica la sua. Rapidamente”.

 

Roma: Mazzillo rimette deleghe a Patrimonio. Si occuperà solo di Bilancio

“Preso atto, attraverso una chat, dell’intenzione della sindaca di nominare altri due assessori: uno con delega ai lavori pubblici e l’altro con delega al Patrimonio e politiche abitative, senza avermi neanche informato, ho ritenuto di rimettere formalmente a disposizione della sindaca le deleghe attinenti al Patrimonio già da stamattina”. Lo annuncia in una nota l’assessore al Bilancio Andrea Mazzillo, depositario fino a questo momento della delega al Patrimonio.

“Ciò mi consentirà – ha aggiunto l’assessore al Bilancio – di concentrarmi, con ancor maggior impegno, per garantire la solidità dei conti di Roma Capitale in modo così da consentire alla sindaca di attuare il programma di rilancio della Capitale”. L’assessore Mazzillo aveva rimesso, nei giorni scorsi, le deleghe alla casa. Da oggi si occuperà solo del Bilancio.

 

Santori (FDI) “Roma continua a essere guidata da Milano”

‘Andrea Mazzillo ha abbandonato il gruppo’ così si legge nella chat WhatsApp Casaleggio & Co in cui l’assessore ha appreso della sua sostituzione”. E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia.
“La storia dell’assessore al Bilancio rientra nella logica delle decisioni su Roma prese altrove, scavalcando gli eletti e i militanti che sono punto di riferimento dei cittadini, e calate dall’altro nelle chat o nelle riunioni tra Genova e Milano. E’ il caso dell’assessore a tempo determinato Colomban, noto a tutti come espressione di Davide Casaleggio, che anche una volta lasciata Roma a settembre, così come aveva annunciato, continuerà ad avere il suo peso specifico nella Capitale. Infatti, il nuovo Amministratore delegato e Presidente di Atac è un fedelissimo dell’assessore, già indicato nel tavolo di regia per le Partecipate, e il suo capo staff farà parte del Cda a tre membri. Con queste poltrone avrà dal Veneto il totale controllo della partecipata Atac. Insomma, tra un mese l’assessore spiccherà il volo ma intanto piazza i suoi in posti strategici. Probabilmente sarà un assessore ombra e potrà continuare a dettare la linea, in accordo con il duo Grillo-Casaleggio. Così la Capitale continuerà a perdere sovranità, e la sindaca Raggi invece di rispondere ai cittadini romani che l’hanno eletta, potrà solo sottostare all’asse Milano-Genova.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti