Campidoglio, confermate le limitazioni per i veicoli più inquinanti

Confermato nella fascia verde lo stop per gli autoveicoli a benzina Euro 0 e 1 e per quelli diesel Euro 0, 1 e 2

Il Campidoglio ha confermato, rinnovandole per un altro anno, le ordinanze che prevedono la limitazione alla circolazione per i veicoli più inquinanti. In dettaglio, le ordinanze approvate sono la numero 175 e la 176, entrambe del 26 ottobre 2021.

Nella Fascia Verde, dal lunedì al venerdì (festivi infrasettimanali esclusi) è confermato lo stop per gli autoveicoli a benzina Euro 0 e 1 e per quelli diesel Euro 0, 1 e 2.

Nel più piccolo Anello Ferroviario, invece, sempre dal lunedì al venerdì (festivi infrasettimanali esclusi), è confermato il divieto per gli autoveicoli a benzina Euro 2 e per quelli diesel Euro 3.

Limitazioni anche per le due ruote 

Ancora nell’Anello Ferroviario, dal lunedì al venerdì (festivi infrasettimanali esclusi), resta anche lo stop per moto e motorini, a due, tre o quattro ruote, con motore a 2 o 4 tempi, Euro 1. Sempre nell’Anello Ferroviario, limitazioni anche per ciclomotori e motoveicoli Euro 0. Deroga, però, per le moto storiche.

Previste delle deroghe. Tra gli altri, per i veicoli con contrassegno per persone con disabilità e per quei veicoli, a benzina, che hanno montato un serbatoio per l’alimentazione a gpl o metano. Tutte le deroghe sono contenute nelle ordinanze.

Il Campidoglio sottolinea come l’insieme dei provvedimenti anti-smog finora adottati abbia contribuito, anche per il conseguente rinnovo del parco veicolare, a una riduzione significativa delle concentrazioni nell’aria di biossido di zolfo, monossido di carbonio, benzene e polveri PM10 (limitatamente alla media annuale. Sul dato giornaliero, ci sono centraline, come quella di Tiburtina, che registrano numerosi sforamenti). Si registra ancora, invece, per il biossido di azoto, il superamento del valore limite per la media annuale.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento