Campidoglio: dal 2021 possibile riduzione Irpef e più risorse per la città

Chiude la Gestione commissariale del debito storico di Roma. Grazie a una norma del Governo viene messo in sicurezza il piano di rientro: pagamenti certi a creditori e imprese; si liberano risorse per diminuire aliquota
Redazione - 4 Aprile 2019

Dal 2021 sarà possibile ridurre l’Irpef per i cittadini romani (tra i più tartassati d’Italia) e avere più risorse per la città. L’hanno affermato oggi 4 aprile 2019 in una conferenza stampa la sindaca Raggi con l’assessore al Bilancio Lemmetti,

Ma ecco qui di seguito il comunicato emesso in proposito dal Campidoglio.

“Chiude la Gestione commissariale per il piano di rientro del debito pregresso di Roma Capitale. Entro il 2021 cesserà di esistere la struttura che fa capo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e che era stata istituita per definire e rimborsare i debiti contratti dal Comune di Roma fino al 28 aprile 2008, che attualmente ammontano a oltre 12 miliardi di euro.

“È quanto prevede una norma messa a punto dal Governo, con la collaborazione del Campidoglio, che individua una strategia finanziaria il cui primo obiettivo è la messa in sicurezza del piano di rientro fino al 2048: si dà piena copertura ai 12 miliardi di debiti e quindi si garantiscono pagamenti certi a cittadini, imprese e istituti di credito.

“Allo stato attuale si prevede infatti che la Gestione commissariale avrà una crisi di liquidità a partire dal 2022, con possibili ripercussioni sul bilancio di Roma Capitale. Per scongiurarla, lo Stato si farà carico di una parte dei debiti finanziari compensandoli con una riduzione minima del contributo statale destinato ogni anno al “commissario” (attualmente 300 milioni di euro ai quali si sommano i 200 milioni assicurati dal Comune con addizionale Irpef e diritti di imbarco aeroportuali). Nei prossimi tre anni, entro il 2021, verrà fissato in via definitiva il debito residuo. Poi si procederà alla chiusura della Gestione commissariale e il nuovo piano di rientro, reso sostenibile, tornerà di competenza dell’Amministrazione Capitolina.

“Tale operazione, inoltre, libererà risorse per 2,5 miliardi di euro fino al 2048 a favore del Campidoglio, che potrà destinarle in parte alla liquidazione dei debiti commerciali residui e in parte agli investimenti per la città o alla progressiva riduzione dell’addizionale Irpef a partire dal 2021.”


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti