Canili R. Mussolini: “Negligenza a Cinque Stelle sulla pelle di cani e gatti”

Redazione - 2 Ottobre 2019

«Tante parole, ma zero fatti. Questo quanto realizzato, da tre anni a questa parte, da una Giunta, rivelatasi negligente e inadempiente anche verso i randagi. In campagna elettorale, ovviamente, i proclami erano diversi, e si battevano sulla necessità di procedure trasparenti per l’affidamento della gestione di canili e gattili. Una volta arrivati a Palazzo Senatorio, però, i grillini hanno pensato solo alla propria poltrona, dimenticandosi del benessere di cani e gatti sfortunati. Del resto, per affrontare un argomento così delicato è indispensabile avere, oltre alle capacità, una sensibilità che manca all’amministrazione pentastellata come è stato dimostrato oggi dall’assenza del neoassessore al verde Fiorini alla commissione Trasparenza.

Il risultato, come emerso anche dall’incontro odierno, è che cani e gatti senza famiglia non sono tutelati e trovano ricovero in strutture fatiscenti, carenti anche sotto l’aspetto sanitario, privi di manutenzione e così insalubri da arrivare a causare la morte di molti animali.

Come FdI abbiamo presentato mozioni, interrogazioni, ordini del giorno e addirittura proposte di delibere consiliare, ma la Raggi e i suoi consiglieri hanno messo al bando qualsiasi proposta arrivata dal nostro gruppo. Tutto è stato bocciato o rimasto lettera morta, davvero inspiegabile per chi puntava a una città più rispettosa anche per i diritti dei quattro zampe».

Così Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia e Vice Presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti