Cartellopoli, tardivo intervento Campidoglio

De Giusti: "ordinanza fuori tempo massimo"
Enzo Luciani - 25 Novembre 2011

Anche la Presidente del Municipio Roma XVII, Antonella De Giusti interviene sulla questione dei cartelloni abusivi, questione per il minisindaco ormai "fuori tempo massimo":

"Ancora una volta il Sindaco Alemanno – commenta in una nota –  con una ordinanza, è dovuto intervenire per sopperire alle carenze di un suo Assessore, e ha seccamente bloccato il rilascio di autorizzazioni per nuovi impianti pubblicitari, sospendendo anche l’efficacia di quelle già firmate. È di fatto uno stop totale della cartellonistica, ed è la testimonianza viva del fallimento delle politiche di decoro e sicurezza in questo settore. L’impressione è che il Sindaco sia dovuto intervenire d’imperio, per sanare in qualche modo la mancata approvazione del piano regolatore degli impianti. Con questa ordinanza il blocco è totale, ma resta il punto dolente: quello del controllo del territorio, del sanzionamento e della rimozione. Ci vuol poco a fare un’ordinanza, che per di più è fuori tempo massimo.

L’impegno vero, quello che salva il decoro, la sicurezza e impone uno stop all’abusivismo, deve indirizzarsi al territorio. In assenza di ciò, le ordinanze trovano il tempo che trovano. Adesso è necessario accelerare nell’approvazione di norme severe e di controlli sempre più efficaci. E battersi come leoni contro l’abusivismo e la prepotenza delle ditte fuori norma. Serve la collaborazione di tutti, incluse le imprese che affidano il proprio messaggio agli impianti cittadini, così come abbiamo richiesto anche a Unindustria di Roma con una lettera al Presidente Regina. Ma deve essere il Campidoglio a svolgere il ruolo più delicato e incisivo. Ed è proprio quello che è mancato in questi anni di caos. Il Presidente di Telecom, Franco Bernabè, ha affermato che in nessun’altra città del mondo si assiste allo scempio ‘cartellonistico’ di Roma. I cittadini lo dicono da sempre. Ora bisogna fare qualcosa di concreto sul territorio. È inderogabile”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti