Cecchignola, accordo tra Comune e Difesa per ampliamento via Kobler

La via verrà prolungata fino a via di Vigna Murata per poi proseguire fino alla Stazione Laurentina
Enzo Luciani - 21 Dicembre 2012

Si al prolungamento di via Kobler. E’ quanto stabilito da un accordo tra Comune di Roma e Ministero della Difesa. «Su istanza dei cittadini – spiega in una nota il Sindaco di Roma Gianni Alemanno – che chiedevano il prolungamento di via Kobler – unica entrata e uscita del quartiere che termina in via della Cecchignola – fino a via di Vigna Murata per poi proseguire fino alla Stazione Laurentina, Roma Capitale si è mossa subito. E oggi è stato finalmente possibile ottenere la disponibilità del Ministero della Difesa a definire l’area di propria pertinenza da investire per l’ampliamento della strada con conseguente arretramento della parte spettante alla Città Militare. Siamo pienamente soddisfatti dell’esito di una concertazione che con la riunione di questa mattina ha stabilito, con l’accordo di entrambe le Istituzioni interessate, di salvare le istanze della Capitale, risolvendo un problema di viabilità che incidendo pesantemente su quel quadrante di fatto aggrava quotidianamente il traffico cittadino».

Ma non tutti i cittadini sembrano rallegrarsi della notizia. I residenti di Cecchignola Sud smentiscono la loro soddisfazione per la notizia, riportata da alcuni organi di stampa. "Noi – scrivono sul loro portale -non abbiamo nulla da festeggiare per una strada ad alto scorrimento ma a basso impatto ambientale (una vera contraddizione!) che passerà a 10 metri dall’unico parco giochi del quartiere e devierà sulla già satura Via di Vigna Murata, soltanto per preservare l’egoismo di alcuni abitanti di altri quartieri. In nome di un ambientalismo opportunistico, vorrebbero evitare che l’isolamento di Cecchignola Sud impatti sulla propria vivibilità. Ambientalisti che fanno pressione per una strada che passi in un’area tutelata non ce ne sono tanti!

E’  Natale e sono tutti più buoni. Anche il Sindaco che per un flash mob scrive una nota scritta mentre per centinaia di persone mobilitate dal 29 settembre ad oggi, in cortei e sit-in non manda neppure un biglietto di auguri. Questa è la politica: un pò di clamore e poi una notizia che consente di dire di aver ottenuto qualche risultato.   Ma quale risultato? Una nota del Sindaco che richiama una lettera del Ministero della Difesa? I cittadini di Cecchignola Sud non sono più bambini (ache i più giovani) e non credono a Babbo Natale!   Purtroppo in questi anni i residenti hanno visto anche provvedimenti importanti, a partire dallo stesso piano di zona, che non rimasti lettera morta, lasciando il quartiere privo di servizi nonostante nel 2009 lo stesso Sindaco, con un’altra lettera in risposta a centiaia di firmatari di una petizione popolare, aveva promesso una scuola.   Figuriamoci se possono dar credito ad un articolo di stampa che richiama in termini generici impegni che non potranno essere mantenuti per svariate ragioni più volte ricostruite nel nostro blog.   Via Giovanni Kobler non si farà. Ma un regalo di Natale andava fatto anche ai due consiglieri avversari politici dello stesso Alemanno. A Natale si è tutti più buoni. E poi … ci sono le elezioni! Un pò per uno non fa male a nessuno!   Allora per l’epifania noi attendiamo un provvedimento ufficiale dell’Amministrazione Capitolia altrimenti andremo in Campidoglio a portare carbone al Sindaco di Roma anche in rappresentanza di un’intera classe politica che da venti anni prende in giro i cittadini facendosi viva soltanto quando serve il voto!   I cittadini decidano se continuare ad essere strumentalizzati oppure, in uno scatto di orgoglio, di dare un segnale importante perché si affrontino i veri problemi: la mobilità nei prossimi mesi su Via della Cecchignola (quando apriranno i nuovi quartieri) e la riqualificazione di Cecchignola Sud (con i fondi di 1,4 milioni di euro sui quali nessuna testata giornalistica, nonostante le segnalazioni delle gravi errori degli atti, ha ritenuto di aprire un’inchiesta!)". 

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti