Laboratorio Analisi Lepetit

‘Cenerentolo’ al Prenestino

Rapina prostituta ma perde sandalo mentre fugge. Arrestato cittadino tunisino
Enzo Luciani - 18 Luglio 2011

Un cittadino tunisino ha tentato di rapinare due prostitute ma l’aver perso i sandali mentre fuggiva è stato per lui fatale.  La prima rapina gli aveva procurato un bottino di 80 euro. L’uomo si era avvicinato ad una prostituta fingendo di contrattarla per una prestazione sessuale. Improvvisamente, ha afferrato la borsa che la donna aveva con sé, e dopo averla trascinata per qualche metro è riuscito ad impossessarsene. Ha lanciato poi un grosso sasso contro un’altra prostituta che era intervenuta in soccorso della sua “collega”. L’uomo si è dato subito alla fuga nel parco adiacente alla strada. La Sala Operativa della Questura, ricevute le richieste di aiuto delle due donne, ha immediatamente inviato sul posto gli agenti del Commissariato Prenestino che hanno effettuato un controllo nei pressi del parco. Dopo pochi minuti i poliziotti hanno individuato l’uomo che, a piedi nudi,è uscito dal parco per raggiungere la strada e recuperare i suoi sandali. Lo hanno subito bloccato e, riconosciuto dalle due vittime, lo hanno arrestato per rapina aggravata.

Nella stessa sera sono stati arrestati sulla via Collatina due pregiudicati che viaggiavano a bordo di uno scooter rubato. I due giovani hanno effettuato una brusca manovra di inversione di marcia per fuggire ad un controllo. Ripetute le manovre pericolose dei passeggeri dello scooter che, in diverse occasioni, sono saliti sul marciapiede compiendo dei rapidi cambi di direzione tra i passanti. La loro fuga però si è conclusa in via de Pisis, dopo che la Sala Operativa della Questura ha inviato anche l’autoradio del Commissariato Prenestino per effettuare un posto di blocco. Una brusca frenata davanti alla volante e lo scooter è andato a sbattere contro l’auto di servizio e i due fuggitivi sono caduti a terra tentando la fuga a piedi, ma sono stati inseguiti e bloccati dai poliziotti. Inutile il loro tentativo di sfuggire all’arresto, colpendo gli agenti con calci e pugni. All’interno della sella dello scooter , risultato rubato, è stato sequestrato uno scalpello da carpentiere, mentre uno dei due giovani è stato trovato in possesso di un coltello con lama retrattile. C.F.29 enne e B.D. 27enne, entrambi romani, sono stati accompagnati in Commissariato ed arrestati per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Per loro anche la denuncia per ricettazione, porto abusivo di armi, possesso di arnesi atti allo scasso e danneggiamento aggravato. C. F. è stato denunciato anche per inosservanza alla sorveglianza speciale con l’obbligo di soggiorno, mentre B.D. è stato denunciato per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti