Censimento 2011: la popolazione del Lazio aumenta grazie agli stranieri

Quattro stranieri su cinque risiedono in provincia di Roma. Gli italiani preferiscono i piccoli centri, mentre le donne sono più longeve degli uomini
di M.G. T. - 7 Febbraio 2013

Sono ben 5.502.886 i cittadini residenti nel Lazio, di cui quasi quattro milioni vivono nella Capitale. Questi i numeri registrati dal 15° Censimento Generale della popolazione e delle abitazioni 2011 presentato dall’Istat alla prefettura di Roma.

Il merito della crescita della popolazione nel Lazio (del 7,6%) va attribuito sicuramente agli stranieri che hanno raggiunto quota 425.583, passando da un’incidenza sul totale della popolazione del 29,6 (2001) a quella del 77,3 dell’ultimo censimento. Quattro stranieri su cinque risiedono in provincia di Roma (si tratta dell’80,5%), il 7,5% vive in quella di Latina e solo il 2,3% in provincia di Rieti.

Mentre secondo l’Istat i cittadini italiani preferiscono dirigersi verso i centri limitrofi alla Capitale, scegliendo di trascorrere la loro vita quotidiana in particolare ad Ardea, Anzio, Pomezia e Nettuno. Anche la provincia di Latina ha subito un significativo aumento con un incremento di popolazione del 10.9%.

Osservando con più attenzione il risultato di quello che viene definito il "censimento in pillole", nell’ultimo decennio la percentuale di popolazione degli over 65, nel Lazio, passa dal 18% al 20%. In aumento anche gli over 80 che salgono al 57% in tutto il Lazio e in particolare del 70,1% a Latina. Significativo invece la decrescita dei cittadini dai 15 ai 39 anni, meno 130 mila solo nella Capitale. Aumentano le ultracentenarie, le donne sono più longeve soprattutto a Roma, Frosinone, Terracina, Latina, Nettuno ed infine ad Aprilia. Nel Lazio si contano 92,0 uomini ogni 100 donne (2.637.150 uomini, 2.865.736 donne).

Secondo un’analisi della distribuzione della popolazione laziale per sesso ed età emerge che la popolazione giovanile (da 0 a 24 anni, estremi compresi) è in prevalenza di sesso maschile (27.674 uomini in più rispetto alle donne); oltre i 24 anni il rapporto si inverte per tutte le età (210.717 donne in più).  


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti