Centocelle: Stop a strumentalizzazioni politiche. Serve movida sicura e modello Greenwich Village”

Lo dichiarano in una nota congiunta Fabio Sabbatani Schiuma, Christian Belluzzo, Silvana Brannetti e Sigfrido Burelli
Redazione - 14 Novembre 2019

“Basta con le strumentalizzazioni su Centocelle da parte dei soliti antifascisti di professione. La pista degli inquirenti sul rogo alla libreria è delinquenziale, legata allo spaccio di droga: nessuna matrice politica quindi. L’altro episodio, gravissimo, del
maggio 2017, ossia il rogo del camper in cui persero la vita una ragazza di 20 anni e due bimbe di 8 e 4 anni di etnia rom, è stato causato da una faida interna alla comunità nomade e l’autore è stato condannato all’ergastolo”.

Lo dichiarano Fabio Sabbatani Schiuma e Christian Belluzzo, rispettivamente capogruppo e vice di Fratelli d’Italia nel Municipio V, in una nota congiunta con Silvana Brannetti e Sigfrido Burelli, esponenti di Riva Destra, movimento federato a Fdi.

“Su Centocelle semmai – continua la nota – rileviamo l’incapacità assoluta delle amministrazioni municipali e comunali, targate 5 stelle, nel governare il processo di sviluppo delle numerose attività di ristorazione e intrattenimento notturno sorte in zona.

“Servono infatti – prosegue la nota – più illuminazione, più manutenzione, più decoro urbano e il Piano regolatore del divertimento, approvato su nostra proposta ma tenuto nel cassetto dai grillini, per razionalizzare l’industria del settore, offrire un divertimento serale sicuro e valorizzare così il quartiere nel pieno rispetto del diritto alla quiete pubblica.

“Il modello che proponiamo – conclude la nota – è quello di Greenwich Village a New York, con i suoi viali alberati, che ospiti bar, ristoranti, locali, club, teatri off, laddove cultura e colore, uniti a sicurezza e ordine, evitino il caos già prodotto al Pigneto. Ma serve una politica capace”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti