Cerimonia di Premiazione dei vincitori del 50° Concorso Nazionale EIP

Il 9 novembre 2022 - ore 9,30-13,30 a Roma presso l’Auditorium della Biblioteca Nazionale Centrale in Viale di Castro Pretorio 105
Redazione - 6 Novembre 2022

E.I.P. ITALIA Scuola strumento di pace ETS, nell’ambito del Protocollo d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, in collaborazione con Lumsa e Biblioteca Nazionale Centrale di Roma organizza la Cerimonia di Premiazione dei vincitori del 50° Concorso Nazionale Mercoledì 9 novembre 2022 – ore 9,30-13,30 a Roma presso l’Auditorium della Biblioteca Nazionale Centrale in Viale di Castro Pretorio 105.

Cinquant’anni di concorsi indetti per le scuole italiane sono un ragguardevole traguardo da far inorgoglire qualunque organizzazione. Se poi si pensa che a monte di questi concorsi ci sono persone, insegnanti visionari che si sono assunti l’impegno, giorno dopo giorno, lezione dopo lezione, di seminare, magari a mano, i piccoli semi di pace nel loro campo di lavoro che è la scuola con i suoi bambini, ragazzi, giovani, allora signori, giù il cappello. Siamo di fronte a degli eroi, quelli veri, che nel silenzio e nella quotidianità lavorano, sempre controcorrente, per un mondo diverso, un mondo vero, un mondo di pace. Quando cominciarono (1972) erano giovani.

Anna Paola Tantucci

Dopo cinquant’anni alcuni di essi non ci sono più; per tutti gli altri il tempo ha lasciato il segno sui loro corpi e sui loro volti. Ma se li guardate attentamente il sorriso di oggi è lo stesso di quando cominciarono, magari più bello, più tenero, più intenso. Stiamo parlando di quei docenti di EIP Italia (Ecole instrument de paix) che seguendo il pensiero dei fondatori Jean Piaget e di Jacques Mühlethaler (Principi universali di educazione civica enunciati nel 1967 a Ginevra), hanno continuato l’opera di quei giganti che, fiaccati e nauseati dagli orrori della seconda guerra mondiale, avevano individuato nella scuola il terreno più fertile per fondare un nuovo mondo seminando nei piccoli cuori i valori della pace.  Alla loro stregua i nostri giganti italiani sono stati nel 1972 Guido Graziani (1896-1986), Marisa Romano Losi (1929-2004) fondatori e Anna Paola Tantucci (nella foto) attuale Presidente e vera costruttrice dell’ONG ed oggi ETS (Ente Terzo Settore) “EIP Italia Scuola strumento di pace” e a buon diritto le è stato conferito nel 2006 l’importante Prix  du Maitre International de la paix di Bruxelles.

La Cerimonia della cinquantesima premiazione dei lavori svolti dai ragazzi di tutta Italia si terrà il 9 novembre dalle 9,30 alle 13,00 presso il nuovo, bellissimo Auditorium della Biblioteca Nazionale a Castro Pretorio Roma, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione (Protocollo di intesa), con l’Ufficio in Italia del Parlamento Europeo e l’Università Lumsa.

Il programma delle attività del Cinquantenario di EIP Italia è dedicato per la dimensione europea a David Sassoli e per quella dei diritti umani alla scrittrice Edith Bruck figure simboliche della mission educativa dell’Associazione.

Il momento storico che stiamo vivendo, attraversato da due anni di pandemia e dal 24 febbraio dall’aggressione della Russia all’Ucraina, ci portano a riflettere sul messaggio di Papa Giovanni XXIII nella Enciclica “Pacem in terris” che ha rappresentato la grande sfida del nuovo millennio sul valore della pace “fra tutte le genti riposta nella verità, nella giustizia, nell’amore e nella libertà”.

Adotta Abitare A

Hanno partecipato al Concorso con lavori nelle diverse sezioni 240 scuole a livello nazionale e i vincitori sono stati selezionati da una giuria paritetica EIP Italia/Ministero dell’Istruzione.

Sono stati invitati a presenziare Stefano Campagnolo Direttore della Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele, Maria Assunta Palermo Direttore Generale Direzione per lo studente, l’inclusione e l’orientamento scolastico del Ministero dell’Istruzione,  Milena Santerini  pedagogista e coordinatrice nazionale per la lotta contro l’ antisemitismo, Giovanni Vinciguerra Direttore di Tuttoscuola, Claudia Pratelli Assessore alla scuola Comune di Roma, Antonino La Spina Presidente Nazionale UNPLI Unione Italiana Pro Loco, Gemma Tuccillo Capo Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità del Ministero della Giustizia, Angela Daniela Greco Direttore dell’Ufficio III Attività ispettiva e di controllo del Ministero della Giustizia, Lina Lo Giudice Sergi Presidente Accademia italiana di Poesia.

Il tema del Concorso è incentrato proprio su quei “Principi universali di educazione civica” che le scuole hanno interpretato nelle varie Sezioni del Concorso con creatività e originalità: Poesia come pace, Teatro nella storia, Musica per la pace, Disegna un diritto umano in collaborazione con l’Associazione Fidia e il Museo Nena di Roma, Ambiente e sostenibilità, Memoria e shoah, giornali scolastici. Grande importanza ha il tema della sicurezza nella strada e negli edifici scolastici per cui sono previste borse di studio per gli studenti che hanno realizzato Progetti innovativi. Le borse di studio sono state messe a disposizione dalle madri di due giovani: l’uno Valerio Castiello vittima di un omicidio stradale e l’altro Luigi Petacciato morto nel crollo della scuola di San Giuliano di Puglia in Molise; in quel triste evento, di cui quest’anno ricorre il ventesimo anniversario, perirono 27 bambini con la loro maestra.

Con l’UNPLI inoltre si propone alle scuole di salvare le lingue locali e i dialetti come valore per l’identità e strumento di dialogo intergenerazionale. Sul tema dell’Europa “Una lezione europea” dedicata a David Sassoli, le scuole hanno realizzato proposte davvero innovative, dal Gioco dell’oca rivisitato, a proposte di partecipazione giovanile, a dossier simbolicamente validi e dedicati anche al conflitto in atto tra Russia e Ucraina.

Il messaggio che si evince dai lavori presentati e dall’ impegno dei docenti è che la che la cultura che si fonda sui diritti umani è una cultura pervasiva che libera e apre. Una cultura che considera la scuola, l’università, il mondo dell’informazione e quello dei poteri locali, regionali e nazionali come un cantiere, un laboratorio di costruzione della nuova cittadinanza democratica che nasce nella scuola ma permea l’intero arco della vita della persona umana.

Il Servizio di accoglienza è affidato all’Istituto Enogastronomico Domizia Lucilla di Roma.

Ufficio Stampa cell 3381914613

e.mail  E.I.P Italia:  sirena_eip@fastwebnet.it – sito internet:  www.eipitalia.it

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti