Cerimonia in memoria dei martiri del rastrellamento di Centocelle

Il 6 aprile 2019 in piazza delle Camelie a Centocelle organizzata dall'Anpi con il presidente del V municipio Giovanni Boccuzzi
Angelo Cinat - 7 Aprile 2019

Il 6 aprile 2019 questa mattina in piazza delle Camelie a Centocelle insieme a Giuseppe Liberotti, Fabrizio Forcella in rappresentanza dell’Anpi circolo ”Giuliano Sangalli“ di Centocelle il presidente del V municipio Giovanni Boccuzzi ha partecipato ad un cerimonia in ricordo del rastrellamento ad opera dei fascisti della Banda Koch a Centocelle avvenuta il 6 aprile 1945.

Boccuzzi ha annunciato che il municipio sta predisponendo  il gonfalone in memoria della medaglia d’oro al valor civile del quartiere.Ha pure stigmatizzato il rigurgito fascista presente sul territorio, ha ricordato di aver aderito al presidio del Anpi contro il fascismo e  l’odio razziale organizzato a Torre Maura.

Tutti i componenti presenti si sono spostati a Torre Maura dopo la fine della cerimonia in memoria dei martiri trucidati dai nazifascisti “i cui nomi – ha affermato il Presidente – sono scolpiti sul marmo della lapide e nei nostri cuori”.

Roma durante l’occupazione nazista, durata dal settembre 1943 al giugno 1944, ebbe varie e numerose zone periferiche in cui la Resistenza ricoprì un ruolo essenziale. Dal Quadraro a Tor Pignattara, passando per il Quarticciolo e Villa Gordiani, furono molteplici le borgate che, in quei mesi, diedero il loro contributo alla sconfitta e alla cacciata dell’invasore nazi-fascista.

Purtroppo i tedeschi non risparmiarono nessuno e, in varie occasioni, si resero protagonisti di atroci eventi contro la stessa popolazione civile. La mattina del 6 aprile 1944 la “Banda Koch“, un reparto di polizia speciale della Repubblica Sociale Italiana guidata dal fascista pietro Koch, compì un rastrellamento di Centocelle, importante quartiere della zona sud-est di Roma.

L’evento, anche se portò all’arresto di numerose persone, sia donne che uomini, non viene quasi mai ricordato perchè accadde pochi giorni dopo l’Eccidio delle Fosse Ardeatine e una decina di giorni prima del ben più famoso e ricordato rastrellamento del Quadraro, datato 17 aprile. Tutto questo accadde non si sa bene per quale ragione visto che la stessa Centocelle era una zona che diede un suo contributo di un certo valore alla Resistenza romana.

 

Angelo Cinat


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti