Cervelletta: il Consiglio del IV municipio respinge la discussione di un documento per la salvaguardia

Sottoscritto da oltre 200 firme raccolte dal blog collianiene.org
di Federico Carabetta - 21 Luglio 2016

C’è malumore a Colli Aniene, in particolare tra i tanti sostenitori della necessità del recupero del Casale della Cervelletta. Perché dal IV municipio – da poco rinnovato nel suo governo – ci si aspettava, forse troppo tempestivamente, che dipanasse una matassa abbastanza attorcigliata. Una matassa che, per dipanarla, necessita d’impegno e di reperimento di somme ragguardevoli.

Ora accade che Antonio Barcella, attivissimo a Colli Aniene con il blog collianiene.org, si sia fatto promotore e sostenitore di un movimento spontaneo tra cittadini, volto all’inserimento del Casale della Cervelletta nei Luoghi del Cuore FAI e, a questo scopo, abbia raccolto un considerevole numero di adesioni, e presentato un documento al Consiglio municipale appena insediatosi.

Il Consiglio si è, però, espresso sfavorevolmente e così, di mettere all’Ordine del Giorno il documento – almeno per ora – non se ne parla. A questo punto Barcella ha cominciato a tuonare reputando incomprensivo e privo di motivazioni il rifiuto.

Cosa chiedeva il documento sottoscritto da 200 cittadini

Cervelletta: la torre - Foto F. CarabettaIl documento respinto chiedeva al presidente del IV Municipio Roberta Della Casa, che sollecitasse il nuovo Sindaco di Roma a compiere azioni in favore dello storico Casale. In primis, che il primo cittadino intervenisse per far primeggiare la Cervelletta nel bando per la scelta de ‘I Luoghi del Cuore’, quelli cioè che storicamente il FAI salva dallo sfacelo riportandolo allo stato ideale per la fruizione da parte di tutti. Il Sindaco avrebbe dovuto inoltre indicare prioritario il recupero del complesso a beneficio dell’intera Città; e chiedeva pure che  il Comune di Roma mostrasse attenzione “vincolando direttamente nel proprio bilancio appositi fondi immediatamente spendibili per la conservazione e totale messa in sicurezza del bene”.

Ma il documento, corroborato da più di 200 adesioni, è stato bocciato “a priori e senza discussione” lasciando presumere che il nuovo Consiglio del IV Municipio intenda proseguire nella strategia dell’amministrazione precedente in relazione al “Pasticciaccio brutto della Cervelletta”.

Certo, questo fatto non è ideale come primo approccio tra un valido rappresentante dei collianiensi e il Municipio. La mancata risposta della Presidente Roberta Della Casa, inviata via social network e il mancato accoglimento alla richiesta di incontro avanzata dal Coordinamento “Uniti per la Cervelletta” non sono un buon incipit.

Riteniamo però prematuro fare congetture e giungere a conclusioni. E saremmo ben ripagati del nostro lavoro se ci riuscisse – per il bene della collettività – a chiarire eventuali malintesi e appianare, se possibile, le scabrosità.

Dal suo canto Barcella rappresenta più di duecento collianiensi che chiedono il recupero e la tutela di un bene collettivo. Ricordiamo che per l’accorpamento della Cervelletta al patrimonio del Comune di Roma, si sono già sacrificati beni immobili e fatte concessioni edificatorie ai cedenti. Motivo quest’ultimo perché il Municipio, appena scaldati per bene i motori, faccia del tutto perché il pagato risulti alla fine giustificato da quanto realizzato.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti